Lo scooter elettrico di Smart mostrato per la prima volta al Salone di Parigi di due anni fa arriverà sul mercato. La conferma è arrivata direttamente da Mercedes, che ha precisato come il nuovo mezzo elettrico a due ruote debutterà sul mercato nel 2014.

Ad annunciarlo è stato Joachim Schmidt, vice presidente esecutivo della divisione vendite e marketing di Mercedes, che ha spiegato:

La decisione di produrre lo escooter è stata presa. Con questo passaggio andiamo ad aggiungere un ulteriore componente importate alla nostra idea di mobilità smart del futuro.

Parole a cui hanno fatto seguito quelle di Annette Winkler, responsabile del marchio Smart:

Chiunque pensi alla mobilità urbana, pensa a Smart. Noi offriamo il miglior veicolo a zero emissioni e che accontenta qualsiasi richiesta, e con i nostri prodotti, viaggiare con l’elettrico è anche più divertente. Abbiamo anche vinto il premio “the best of best”, e quest’anno l’iF award, premio che si propone dal lontano 1953.

Quando fu presentato per la prima volta al pubblico lo scooter a zero emissioni di Smart si proponeva come una soluzione molto interessante per la mobilità urbana e aveva il pregio di offrire un approccio innovativo anche dal punto di vista della sicurezza. La casa tedesca aveva dotato infatti il suo scooter elettrico di un airbag, di freni con sistema ABS e perfino della tecnologia “Blind Spot Assist“.

Il sistema, per mezzo di una spia luminosa integrata negli specchietti retrovisori, avvisa il conducente della presenza di veicoli in arrivo dai cosiddetti “angoli ciechi”, cioè quelle direzioni in cui la visuale è ostruita e risulta così impossibile percepire l’avvicinamento di un mezzo in modo da evitare un incidente.


Il prototipo che anticipava il primo Smart escooter era dotato di pannelli fotovoltaici che alimentavano in parte un motore elettrico da 4 kW sistemato nella ruota posteriore ed era in grado di raggiungere una velocità massima di 45 km/h. L’autonomia era di 100 chilometri grazie alla batteria agli ioni di litio da 80 Ah, mentre per la ricarica da una presa di corrente a 220V era completabile in circa 5 ore.

Smart non ha ovviamente precisate quali e quante delle caratteristiche allora annunciate per il prototipo saranno mantenute nella versione di serie, la quale si annuncia ugualmente come una delle novità più interessanti in arrivo nei prossimi anni sul mercato delle due ruote elettriche.

15 maggio 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento