Il SISTRI verrà sospeso da Corrado Passera nel prossimo decreto sviluppo. Una novità inattesa considerando che nelle scorse settimane si era invece parlato di un ennesimo rinvio per il sistema di tracciabilità dei rifiuti. Sulla stessa lunghezza d’onda sembra essere anche il ministro dell’Ambiente Corrado Clini, favorevole alla sospensione.

SISTRI sospeso in attesa di profonde revisioni nei meccanismi di gestione e nelle procedure a carico delle società di smaltimento. Ancora troppe le criticità secondo Corrado Passera, problematiche mai risolte a pieno che hanno portato ad innumerevoli rinvii. Critico anche il ministro dell’Ambiente Corrado Clini secondo cui il sistema andrebbe interamente ripensato. Niente più proroga al 31 dicembre 2013 nella bozza del decreto sviluppo, slittamento che avrebbe seguito di poche settimane quello previsto dal cosiddetto decreto “Milleproroghe” al 30 giugno 2012.

Riguardo la sospensione del SISTRI Corrado Passera sembra non avere alcuna indecisione. A sottolinearlo lo stesso ministro per lo Sviluppo Economico quando ricorda un precedente scambio di battute con il presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini:

Guerrini mi aveva detto: su una cosa ti misureremo e ti misureranno gli imprenditori, il Sistri. Mi sono convinto che il Sistri andasse sospeso e questo succederà attraverso il prossimo decreto cui stiamo lavorando.

12 giugno 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Cosimo, mercoledì 13 giugno 2012 alle9:14 ha scritto: rispondi »

ma insomma o questo sistri è servito solo a far incassare soldi a società informatiche incapaci, o sono incapaci i burocrati che non sanno immaginare una procedura snella... Che Passera sospenda e basta.. sono bravo pure io a fare il ministro cosi. Verificare la tracciabilità dei rifiuti è importante!!! Se Passera avesse le p...lle prenderebbe a calci nel sedere tutti quelli che se ne sono occupati male o che non se ne sono occupati ma hanno continuato ad incassare ricchi stipendi e commesse!!

Lascia un commento