SISTRI, nuova versione del sistema in arrivo

Una nuova versione del SISTRI potrebbe essere in arrivo. Nel corso degli ultimi mesi il sistema ha subito numerosi rinvii, con l’ultima proroga al 31 dicembre decisa appena poche settimane prima della sospensione del progetto da parte del ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera.

Dopo la sospensione il SISTRI sembrava potesse essere sostituito dal SETRI, di cui si è discusso i primi giorni di agosto, una proposta avanzata da Conftrasporto e Assintel. Il progetto non ha però ancora ricevuto tutte le necessarie approvazioni per essere adottato in via ufficiale dall’esecutivo ed ecco allora arrivare l’iniziativa di Assosoftware per il rinnovamento del Sistema di Tracciabilità dei Rifiuti.

L’Associazione nazionale dei produttori di software ha dato vita ad un Centro Studi sull’Ambiente e la Tracciabilità dei rifiuti, al cui interno è stata definita l’Agenda Digitale Verde. Quest’ultima ha infine ideato il progetto di assestamento del SISTRI, basato sostanzialmente sulle proprie linee guida in materia di sostenibilità ambientale.

Il progetto rappresenta in realtà più che una soluzione pronta all’uso, come a loro modo era il SETRI, un cantiere aperto alle varie componenti della filiera di smaltimento rifiuti, alle università e alle imprese. Quello che Assosoftware ha comunicato di aver avviato è un percorso di realizzazione che si avvalga della collaborazione di più soggetti possibile, istituzionali, ma anche aziende e tecnici. Le adesioni sono possibili tramite email all’indirizzo info@assosoftware.it.

13 novembre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
PMI
Lascia un commento