Le imprese potrebbero essere esentate dal pagamento del contributo SISTRI per l’anno 2012. La Conferenza delle Regioni, infatti, ha accolto una proposta della Regione Piemonte formulata dall’assessore all’Ambiente Roberto Ravello, in qualità di coordinatore della Commissione Ambiente ed Energia.

La proposta di esenzione, già avanzata dalle stesse imprese, si fonda sul fatto che le circa 300 aziende tenute all’iscrizione al SISTRI, il sistema informatico per la tracciabilità dei rifiuti speciali, hanno già regolarmente versato i contributi per il 2010 e il 2011, ma il servizio non è ancora entrato in funzione.

Esprimo soddisfazione – ha dichiarato l’autore dell’istanza – per la scelta unanime compiuta dalle Regioni nel richiedere al ministero il riconoscimento degli sforzi finora compiuti dagli operatori di settore nell’affrontare la fase sperimentale tuttora in corso. Ora confidiamo che il Governo dia seguito alla proposta inoltratagli dal Presidente Errani.

Secondo l’assessore piemontese, vista anche la grave crisi economica che ancora opprime l’Italia, chiede agli imprenditori il pagamento di un servizio non ancora attivo sarebbe ingiustificabile. Quella dell’esenzione, in altri termini, sarebbe una scelta di equità, in attesa che il SISTRI entri effettivamente in funzione il prossimo 30 giugno. Salvo nuove proroghe naturalmente.

5 aprile 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento