Stop ai ritardi per l’avvio del SISTRI. A darne conferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, che dichiara terminato il tempo dei rinvii e delle proroghe: entro il 1 aprile saranno attivate le sanzioni per le aziende che non avranno provveduto a mettersi in regola con il Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti.

In merito al SISTRI il ministro dell’Ambiente Galletti smentisce le voci diffuse in merito a un possibile ulteriore rinvio dell’attivazione del controverso sistema di gestione dei rifiuti, la cui presentazione iniziale risale ormai a oltre 5 anni fa (gennaio 2010):

La legge di conversione del Milleproroghe ha previsto uno slittamento di due mesi per le sanzioni su iscrizione e contributi. Dopo quella scadenza non sono previsti altri interventi, da aprile si paga.

Il nuovo assetto messo a punto dall’attuale Governo prevede sanzioni per le aziende dal 1 aprile, mentre una gara europea per l’individuazione del nuovo gestore verrà gestita mediante il supporto di Consip.

Data prevista per il completamento della procedura l’anno 2016, come conferma lo stesso ministro:

Entro giugno saremo pronti a farla partire e il nuovo sistema sarà avviato ufficialmente dal 2016.

24 febbraio 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento