Novità in arrivo nel settore dei sistemi di accumulo per le fonti rinnovabili. Si tratta di ZHERO, tecnologia per lo stoccaggio energetico ideata da una start-up di Correggio, in Provincia di Reggio Emilia. Il nuovo apparecchio farà affidamento sulla batteria ideata da FZSoNick, che anziché ricorrere all’impiego di litio si avvarrà di una combinazione sodio-nichel. Il risultato sarà meno impattante per l’ambiente nonostante sembri garantire un alto livello di efficienza e durata.

=> Key Energy 2017, leggi perché si punterà su fotovoltaico e accumulo

Da come ha riportato la stessa UNE, l’azienda reggiana che ha contribuito a dar vita a ZHERO, questo sistema di accumulo è composto non soltanto da batterie a zero emissioni, ma dotate anche di un maggior numeri di cicli di carica, una durata più estesa e una più efficace resistenza agli sbalzi termici. Potrà inoltre essere connessa con un impianto fotovoltaico senza che sia necessario aggiungere inverter, interfacce e quadri elettrici. L’intero sistema è certificato CEI-021, non soltanto le singole componenti.

=> Scopri perché start-up USA vuole sostituire litio con zinco nell’accumulo

Prodotto in Italia, il sistema di accumulo ZHERO è in fase di sperimentazione attiva da 5 anni, durante i quali sono stati installati e monitorati circa 20 sistemi prototipo. Questo modulo “all in one” di stoccaggio è predisposto per le smart grid e si avvale di un sistema di back-up, oltre che di un software integrato per una gestione efficiente dell’energia accumulata. A sostenere la sua diffusione sul mercato italiano è l’azienda varesina Elmec Solar. Come ha sottolineato, Alessandro Villa, AD Elmec Solar:

La scelta di diventare distributori esclusivi del sistema Zhero conferma il nostro status di centro di eccellenza dell’energy storage. Ad oggi offriamo un portfolio prodotti per tutte le esigenze (dal nuovo impianto al retrofit) che si posizionano in diverse fasce di prezzo e che sfruttano le più rilevanti tecnologie sul mercato. Zhero per noi rappresenta una sfida che vogliamo affrontare a fianco di Une, poiché è un prodotto italiano, all’avanguardia, unico nella sua categoria che apre una nuova fase nel mondo delle energie rinnovabili modificandone il modello di produzione, di gestione e di distribuzione dell’energia.

Collaborazione con Elmec Solar un passo fondamentale per la diffusione di ZHERO secondo Giuliano Scaltriti, amministratore unico UNE, che ha dichiarato:

Grazie alla rilevante sinergia con Elmec Solar possiamo finalmente mettere a disposizione della clientela un prodotto innovativo che permetterà un cambio di paradigma nella produzione, gestione e utilizzo della energia autoprodotta in totale sicurezza. Zhero è frutto di anni di studio nel campo dello storage residenziale e rappresenta per noi un grande motivo di orgoglio: ha ricevuto il prestigioso riconoscimento con il “Sigillo di Eccellenza” rilasciato dalla Comunità Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 e nel 2016 ci siamo aggiudicati il progetto europeo per le energie rinnovabili “InteGridy” insieme ad altri 30 partner europei.

31 luglio 2017
I vostri commenti
marco, martedì 1 agosto 2017 alle7:49 ha scritto: rispondi »

FZsoNic è FIAMM, speriamo che abbiano abbassato i costi, il sistema è ottimo ma i costi elevatissimi, spero in news da questo punto di vista

ritamir, lunedì 31 luglio 2017 alle17:39 ha scritto: rispondi »

Ottimo, ma mi sembra che anche la FIAMM di Vicenza produca questo tipo di batterie. Se sono efficienti come quelle al litio, sono senz'altro preferibili.

Lascia un commento