Sigarette elettroniche: USA verso la messa al bando per i giovani

Il mercato delle sigarette elettroniche sembra sempre più in espansione. Un andamento che avrebbe indotto la Food and Drug Administration statunitense a valutarne i contorni e alcune possibili limitazioni per quanto riguarda la vendita ai giovani. Quest’ultima ipotesi è derivata in larga parte dall’incremento elevato del numero di adolescenti “svapatori”.

Gli analisti della Food and Drug Administration (FDA) sembra abbiano valutato l’incremento record nella diffusione di sigarette elettroniche al pari di una vera e propria “epidemia”, con vendite in forte crescita e non di rado affidate ai canali online (ritenuto un mercato “sfuggente”). Ne è derivato un dibattito interno all’istituzione statunitense, che potrebbe portare a breve a limitazioni per quanto riguardano la vendita di e-cig e liquidi di ricarica alla nicotina.

=> Scopri perché le sigarette elettroniche aumentano il rischio di tumori orali

Nel frattempo sono state prese le prime disposizioni per limitare l’utilizzo delle sigarette elettroniche tra i più giovani. Ai produttori di e-cig sono stati invitati entro 60 giorni alla messa a punto di un piano per vietare lo svapo agli adolescenti: chi non si adeguerà potrà essere oggetto di richiamo forzato in relazione ai prodotti non in regola con le nuove normative.

Pressione sui produttori, ma anche sui rivenditori, con la FDA che ha inviato a questi ultimi delle lettere di avviso: in arrivo sanzioni per chi verrà colto a vendere sigarette elettroniche agli adolescenti minorenni. A rischio anche le grandi catene della distribuzione come Walgreens e 7-Eleven.

14 settembre 2018
Lascia un commento