Le sigarette elettroniche non sarebbero utili a smettere di fumare. A sollevare nuovi dubbi riguardo le bionde “hi-tech” alcuni ricercatori dell’Università della California di San Francisco (UCSF), i quali tuttavia da un lato indicano questi dispositivi come non in grado di aiutare a dire di no al fumo, ma dall’altro avanzano perplessità sul loro stesso studio affermando come gli stessi risultati risulterebbero in realtà poco convincenti.

Continua ad esserci poca chiarezza nel settore da quando, circa due anni fa, il fenomeno delle sigarette elettroniche è esploso in Italia come nel resto d’Europa e del mondo. Dopo i primi preoccupanti studi sulla presenza di metalli pesanti e altri componeneti nocivi nel liquido inalato dagli “svapatori”, altre ricerche hanno invece assolto le “e-cig”.

In Italia alcuni provvedimenti restrittivi sono stati presi dal Ministero della Salute in via cautelativa, ma ancora non vi è assoluta certezza riguardo gli effetti che le sigarette elettroniche produrrebbero sui loro utilizzatori e sui presenti, esposti al “fumo passivo”.

Stando a quanto affermato dalla Dr.ssa Rachel A. Grana e colleghi sulla rivista scientifica JAMA Internal Medicine, i test sulle e-cig sono stati condotti su 949 fumatori, 88 dei quali già fumatori di sigarette elettroniche al momento dell’avvio dello studio.

Al termine del periodo di ricerca, della durata di un anno, gli stessi ricercatori hanno valutato in quale misura le e-cig come strumenti per aiutare a smettere di fumare. Un parere tutto sommato negativo, anche se alcuni dubbi restano in merito ai risultati, soprattutto per quanto riguarda la bassa partecipazione di svapatori allo studio. Come spiega la Dr.ssa Grana:

I nostri dati si aggiungono alle prove correnti che le e-Cig non possono far aumentare i tassi di cessazione del fumo. I regolamenti dovrebbero vietare la pubblicità che afferma o suggerisce che le sigarette elettroniche sono dispositivi efficaci per smettere di fumare, fino a che queste affermazioni non siano supportate da prove scientifiche.

Purtroppo, la prova che le e-Cig aiutino i fumatori a smettere è contraddittoria e inconcludente. Grana e colleghi hanno aumentato il peso delle prove indicando che le e-sigarette non sono associate a più alti tassi di cessazione dal fumare.

26 marzo 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento