Sigarette elettroniche: aromi nocivi come il fumo secondo uno studio

Molti ricorrono alle sigarette elettroniche come mezzo per smettere di fumare, per allontanarsi dalle sigarette tradizionali. Dietro tutto ciò c’è la convinzione che le sigarette elettroniche siano più sicure rispetto a quelle a base di tabacco in termini di danni che possono causare alla salute.

Eppure gli esperti affermano che le sigarette elettroniche sono dei prodotti così nuovi che ancora non sono conosciuti gli effetti che possono avere sulla salute. Le sigarette elettroniche, come ha affermato il risultato di uno studio condotto dall’Università di Atene, possono provocare danni quanto le sigarette tradizionali.

Gli ultimi esperimenti condotti sui topi da laboratorio hanno scoperto che gli additivi contenuti nelle sigarette elettroniche, che comprendono anche gli aromi, sono capaci di determinare un’infiammazione polmonare molto simile o in alcuni casi peggiore rispetto a quella osservata con l’uso delle sigarette a base di tabacco.

=> Leggi le novità sulle sigarette elettroniche contenute nel Milleproroghe

In particolare il dito dei ricercatori è stato puntato contro una sostanza chiamata glicole propilenico. Si tratta di un principio attivo che si trova non soltanto nelle sigarette elettroniche, ma anche in diversi cibi e bevande. È incolore e inodore ed è utilizzato comunemente anche come solvente in alcuni farmaci. Il dottor Constaninos Glynos ha dichiarato:

Gli effetti dannosi osservati nei polmoni dopo l’esposizione al vapore delle sigarette elettroniche negli animali evidenziano la necessità di ulteriori indagini sulla sicurezza e sulla tossicità di questi dispositivi che stanno riscontrando una rapida espansione in tutto il mondo. I nostri risultati suggeriscono che l’esposizione al vapore delle e-cig sia in grado di determinare risposte infiammatorie e possa influire negativamente sul sistema respiratorio.

Attraverso i risultati dello studio, che sono stati pubblicati sull’American Journal of Physiology-Lung Cellular, si è scoperto che le e-cig hanno determinato un aumento dei marcatori di infiammazione, la produzione di muco e l’alterazione della funzionalità polmonare già solo dopo tre giorni. Si è notato che le e-cig con glicole propilenico determinerebbero un’irritazione temporanea che alla fine si attenua con l’uso continuato.

12 ottobre 2018
Lascia un commento