La sigaretta elettronica incentiva il fumo tra i giovani

Si torna a parlare di sigaretta elettronica, un dispositivo da mesi al centro di una lunga serie di fitte polemiche, tra sostenitori entusiasti e detrattori preoccupati. Questa volta però non si parla della sua non ancora certa pericolosità, né tantomeno dei provvedimenti legislativi presi per controllarne il ricorso. Si vola invece in Corea del Sud, dove uno studio ha svelato come la ecig funga da traino per il tabagismo degli adolescenti.

Pubblicato sul Journal Of Adolescent Health e condotto da Stan Glantz, direttore del Center for Tobacco Control Research and Education all’Università della California, lo studio ha indagato le abitudini di 76.000 giovani sudcoreani, nazione dove la sigaretta elettronica ha un elevatissimo tasso di diffusione tra il pubblico. E il risultato è allarmante: la ecig spinge i ragazzi a diventare di giorno in giorno sempre più incalliti, anche in compagnia delle “analogiche” bionde.

A differenza degli adulti, dove in alcuni casi la sigaretta elettronica risulta essere un valido aiuto per smettere di fumare definitivamente, per gli adolescenti è fonte di esaltazione ed entusiasmo. Questo perché i dispositivi sono ampiamente pubblicizzati e spesso presentati al limite del softcore, tanto che il ragazzino ne rimane impigliato nella trappola. Così spiega Glatz, sulla base dell’analisi del campione tra abitudini e trasgressione:

Le sigarette elettroniche sono presentate in ogni fragranza, con immagini che rimandano al sesso e all’indipendenza. Vengono vendute anche con la pretesa possano aiutare a smettere di fumare e, infatti, i ragazzi che stanno tentando di smettere sono più inclini a usare una ecig. In realtà, i due fumatori hanno più o meno la stessa probabilità di smettere.

La trasgressione – e forse il linguaggio televisivo non proprio edificante di alcuni spot – spingono il giovane a vedere nella sigaretta elettronica un must irrinunciabile. E nonostante i rischi sulla salute siano sostanzialmente ridotti rispetto a una bionda tradizionale, permane la nicotina e l’effetto di severa dipendenza che ne potrebbe derivare.

Abbiamo lo stesso tipo di far west pubblicitario che si è verificato ai tempi delle sigarette classiche. E i ragazzi stanno chiaramente rispondendo, tanto che il ricorso negli USA e in Corea sta crescendo davvero rapidamente.

Sono circa 1,7 milioni gli studenti oramai abituati alla sigaretta elettronica, perché considerata sicura e del tutto innocua. Ma di fronte ai risultati di questa ricerca, è molto probabile che si riapra il dibattito su ecig e minori: è tempo di rivedere al rialzo i divieti?

30 novembre 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Sergio Bonfiglio, giovedì 12 dicembre 2013 alle15:42 ha scritto: rispondi »

E' una vergogna senza fine. Non abbiamo un solo giovane che sia passato dalle e-cig alle sigarette tradizionali. Non esiste un solo caso di svapatori che siano passati da un tasso basso ad uno alto di nicotina. Continuiamo a credere a queste fandonie foraggiate dal big tabacco ? Ma quand'è che ci si sveglierà da questo "sonno della ragione" ? Si fa un gran parlare della possibile presunta remota pericolosità delle e-cig e non si vede che le multinazionali del tabacco aggiungono ogni sorta di additivo per aumentare la dipendenza dai loro veleni ? Perché gli stati e questi enti cosiddetti pubblici non dicono invece la verità sui tabacchi ? Perché prendono laute bustarelle per tacere la verità alla gente: che i tabacchi contengono sostanza studiate per incrementare la dipendenza. Tutti lo sanno, compresi questi enti pseudo-scientifici, ma nessuno dice niente. Povero pianeta. Poveri noi. Date retta a chi da tempo lotta davvero contro i tumori del tabacco. Leggete quello che dice Veronesi e lo IEO, gente che non si può corrompere come questi burocrati. Qui c'è la verità. Il resto è veramente solo FUMO. (Il nostro, lo ricordo, è VAPORE...).

giuseppe castiglione, sabato 30 novembre 2013 alle13:08 ha scritto: rispondi »

I politici sudcoreani sono dei veri liberali e,evidentemente,non sono nemmeno schiavi delle lobby del tabacco come purtroppo sono i nostri. Ma anche un bambino capisce che le e-cig sono molto meno pericolose delle sigarette normali,allora perché tutto sto' casino? Il Governo deve agevolare la loro diffusione e non ostacolarla con tassazione assurda ed informazioni fuorvianti. Lo Stato ci rimette dei soldi se si vendono meno sigarette di tabacco? Premesso che non è vero (lo ha detto il prof. Veronesi mettendo nel conto l'immensa spesa sanitaria necessaria per curare i malati da fumo...),ma anche fosse così,la Costituzione non dice che lo Stato DEVE salvaguardare la salute dei suoi cittadini? A,dimenticavo: ma cosa frega ai nostri politici della salute dei cittadini...a loro interessa solo arricchirsi "rubando" ai cittadini. Elementare Wotson...

Lascia un commento