Sicurezza stradale come requisito fondamentale per una mobilità sostenibile davvero efficace. Un aspetto più che mai rilevante in relazione all’ancora troppo elevato numero di incidenti che vede coinvolti ciclisti e centauri sulle strade urbane. Proprio in direzione di una maggiore vivibilità della città anche per le due ruote si muove la campagna “Occhio alle 2 ruote“, promossa da Confindustria Ancma con il patrocinio del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, del Comune di Milano e il sostegno di Fondazione italiana per le 2 ruote.

A sostegno della necessità di una maggiore sicurezza stradale per le due ruote anche i risultati del MAIDS (Motorcycles Accidents In-Depth Study), lo studio di maggiore rilievo e approfondimento sull’incidentalità delle due ruote a motore. Secondo i dati raccolti a incidere nel 70% degli incidenti, nei quali l’errore umano è riconosciuto al conducente dell’altro mezzo, la responsabilità è connessa alla “mancanza di percezione del veicolo a due ruote”.

Sulla base dei dati forniti da ACI/ISTAT si assiste a una generale contrazione sia del numero di incidenti mortali (57.978 nel 2013, -15,2% rispetto ai dati precedenti), dei feriti in sella a ciclomotore (15.739, -15,1%), di feriti e vittime a bordo di motocicli (rispettivamente 45.519 -8,9% e 774 -13,5%). Stabile è invece il numero delle morti in sella a ciclomotore rispetto al 2012 (133).

Una “buona strada” una mobilità sostenibile ideale che può e deve essere percorsa ancora con maggiore decisione. Proprio per questo prende il via la campagna “Occhio alle 2 ruote”, inserita nel più ampio contesto del progetto europeo “Road Safety Strategy” promosso da Acem, l’analogo di Ancma a livello europeo.

A partecipare in maniera concreta all’iniziativa saranno anche i servizi di car sharing attivi a Milano e Città Metropolitana come Enjoy, car2go, E-vai, GuidaMi, Twist e Share’nGo: sui finestrini delle vetture condivise e del servizio MyTaxi verranno esposti messaggi adesivi che ricorderanno a guidatori e passeggeri di prestare attenzione a bici e due ruote a motore. Come ha ricordato Corrado Capelli, Presidente di Confindustria Ancma:

Un piccolo gesto, che in alcuni casi può davvero fare la differenza. La percezione della presenza delle due ruote è uno dei fattori che incidono maggiormente sulla diminuzione degli incidenti stradali. Confindustria Ancma è impegnata da tempo su questo fronte, considerando quello della sicurezza uno dei temi fondamentali non solo per gli utenti delle due ruote, ma per tutti gli utenti della strada.

Un settore quello della mobilità “più debole” che deve essere tutelato con maggiore efficacia secondo l’assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran, che ha ringraziato Ancma per l’iniziativa:

Ringrazio Ancma per aver pensato a una campagna di sensibilizzazione nei confronti delle utenze deboli. È un tema prioritario per il Comune di Milano, ma deve esserlo anche per le imprese e per chiunque operi in strada. Anche se gli incidenti sono in diminuzione, è un campo in cui si può e si deve fare sempre di più.

Maggiore attenzione verso le due ruote al centro del video diffuso all’interno della campagna e presentato oggi al pubblico, mentre l’iniziativa e lo stesso video verranno promossi anche sul sito web www.occhioalle2ruote.it e sui social seguendo l’hashtag #occhioalle2ruote. Come ha concluso Alfio Morone, presidente della Fondazione italiana per le 2 ruote:

Lo spot nasce proprio dall’esigenza di sottolineare come il porre un pizzico di attenzione in più quando si è alla guida di un veicolo, qualunque esso sia, è fondamentale per evitare incidenti magari banali che, però, per gli utenti delle due ruote, più vulnerabili, possono rivelarsi molto gravi.

6 ottobre 2015
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Paolo, mercoledì 7 ottobre 2015 alle15:39 ha scritto: rispondi »

Posso capire il pericolo che corrono i ciclisti nel traffico, ma vi siete mai trovati nel traffico con decine di motociclisti che non rispettano neanche le più semplici regole del buon senso ?

Lascia un commento