Junie Kovacs ha voluto dare una svolta decisiva alla sua vita, abbandonando il suo percorso lavorativo per trasferirsi nell’isola di Koh Lanta, nel sud della Thailandia. La donna americana, dopo un viaggio effettuato quindici anni fa sull’isola, è rimasta colpita dalla situazione degli animali del posto, spesso scacciati e trascurati sia locali che dai turisti. Una moltitudine di cani allo sbando viveva per strada senza riparo, ma principalmente senza cibo, acqua e cure primarie. Turbata da tanta sofferenza e dall’assenza di un centro veterinario, se non a tre ore di distanza, Junie aveva fatto tristemente ritorno in Norvegia dove svolgeva il lavoro di designer.

Ma il pensiero di tutti quei randagi bisognosi le aveva cambiato le dinamiche esistenziali e così, decisa a dare una svolta alla quotidianità di questi animali, era partita alla volta della Thailandia. Non per un periodo limitato o per un altro soggiorno, ma per un tempo indeterminato. Abbandonate le sicurezze lavorative di sempre, si è reinventata un futuro, aprendo una scuola di cucina a Koh Lanta. Con una piccola raccolta fondi ha potuto effettuare le prime cure e i primi medicamenti per i cani più bisognosi, trovando lentamente nuovi sostenitori e volontari. Il successo ottenuto con la scuola di cucina le ha permesso di aprire un ristorante dal nome di Time for Lime, e con i guadagni avviare il progetto Lanta Animal Welfare.

=> Scopri tutte le curiosità sui cani

Il rifugio per animali con sede sull’isola offre anche un supporto veterinario, grazie alla clinica aperta 24 ore su 24. Con l’aiuto di un gruppo di volontari, di alcuni locali del posto e di una serie di turisti, Junie ha messo in atto anche un programma di sterilizzazione che, con il tempo, ha favorito la diminuzione dei randagi sul posto fino a contenerla radicalmente. Ora quasi tutti gli animali presenti sull’isola non vivono più liberi e randagi ma hanno trovato una nuova casa, oppure sono ospiti del rifugio in attesa di una nuova sistemazione. Il piccolo sogno e la tenacia della donna hanno collaborato per concretizzarsi in un progetto utile e positivo.

10 ottobre 2016
Fonte:
Lascia un commento