L’Italia della ricerca eco friendly ha concluso con significativi piazzamenti la 31esima edizione della Shell EcoMarathon Europe, competizione che ad ogni inizio estate vede in lizza squadre nazionali provenienti da tutta Europa con l’obiettivo di sfidarsi nel raggiungimento di nuovi traguardi all’insegna della mobilità sostenibile.

La EcoMarathon 2016 si è svolta lo scorso weekend nel complesso del Queen Elizabeth Olympic Park di Londra. L’area è stata animata da 200 team internazionali in rappresentanza di 29 Nazioni europee: ciascuno di essi è stato protagonista della progettazione e della costruzione di veicoli che potessero percorrere le maggiori distanze con l’equivalente di un litro di carburante o un kWh di energia, a seconda delle categorie di appartenenza.

Di rilievo anche la presenza del pubblico, stimato in più di 30.000 persone di tutte le età, e importante, ai fini della promozione della filosofia “green” dell’evento, la presenza di due leggende dello sport quali Pelé (che ha dato il “calcio di inizio” al progetto “Make the Future London” che metteva in evidenza progetti e idee per il futuro dell’energia) e il ferrarista Kimi Raikkonen, già presente oltremanica in vista del GP d’Inghilterra che si terrà domenica prossima.

Per l’Italia hanno preso parte alla finale della Shell EcoMarathon 2016 sei team regionali composti da quattro studenti provenienti da Basilicata, Emilia Romagna, Lombardia e Piemonte, con due veicoli per la categoria “Urban Concept” e quattro fra i “Prototipi”.

Nella categoria “Prototipi alimentati a idrogeno” il primo posto è stato raggiunto da “IDRAkronos” messo a punto dal Team H2polit0 – Molecole da Corsa del Politecnico di Torino. La squadra torinese, sesta nel 2015, si è presentata con un veicolo realizzato interamente in fibra di carbonio e alimentato con un sistema fuel cell: ha percorso 737 km con un metro cubo di idrogeno.

Il Team Zero C dell’Itis “Leonardo da Vinci” di Carpi (Modena), presente alla Shell EcoMarathon con un veicolo 100% elettrico e anch’esso costruito in fibra di carbonio, ha raggiunto il secondo posto, dopo avere percorso 736,1 km/kWh rispetto ai 600.8 km/kWh del 2015 con cui si era classificato in sesta posizione.

A podio anche il Team FaenzaNaftaRacing dell’Itip “L. Bucci” di Faenza (Ravenna) e l’Unibas Racing Team dell’Università degli Studi della Basilicata: entrambi hanno concluso al terzo posto rispettivamente nella categoria Prototipi alimentati a Diesel (con il veicolo realizzato interamente in fibra di carbonio FaBi Sparkless), e Prototipi a gas naturale compresso (con il veicolo Potentia, che ha percorso 512.8 km/l rispetto ai 349 dell’edizione 2015 che gli avevano permesso di raggiungere il 27. posto).

La categoria “Urban Concept” ha visto giungere in quinta posizione il Team H2polit0 – Molecules going Hybrid del Politecnico di Torino e il team Mecc-H2 del Politecnico di Milano, con veicoli etanolo e a batteria elettrica.
Fra le novità 2016 della Shell EcoMarathon, il contest internazionale “Drivers’ World Championship”, nel quale i team che provenivano da Asia, America ed Europa si sono sfidati per l’assegnazione “sul campo” del titolo di veicolo più efficiente al mondo dal punto di vista del rendimento energetico.

Il riconoscimento in questo caso è andato alla indonesiana Universitas Pendidikan: il team del sud Pacifico è stato premiato con una settimana di formazione presso la Scuderia Ferrari a Maranello, che permetterà agli studenti della squadra di entrare in contatto con lo staff Ferrari F1 e ricevere consigli su come migliorare le proprie prestazioni.

Da segnalare infine l’assegnazione degli “Off – Track Awards”, riconoscimenti che vengono consegnati da Shell alle squadre che si fanno notare per l’innovazione tecnologica, il design, la sicurezza, la comunicazione e per coloro che meglio hanno saputo rappresentare lo spirito dell’evento. Gli “Off – Track Awards” per la categoria Design sono stati assegnati proprio al team H2polit0 – Molecole da Corsa del Politecnico di Torino, che ha progettato un veicolo altamente efficiente e allo stesso tempo particolarmente accurato nei dettagli estetici.

7 luglio 2016
Lascia un commento