Fare sesso per dimagrire e mantenere in salute il cuore. Questi sarebbero soltanto alcuni dei benefici offerti secondo due ricercatori della Curtin University, esperti di salute mentale ed esercizio fisico, che hanno analizzato il rapporto tra pratica sessuale e benefici per l’organismo.

Dal sesso si otterrebbero gli stessi benefici di un allenamento “cardio” completo a patto però, spiega il Prof. Kevin Netto – direttore di ricerca presso la Curtin University’s School of Physiotherapy and Exercise Science, che “duri a sufficienza”:

Tutti dovrebbero praticare esercizio per un lasso di tempo compreso tra mezz’ora e un’ora ogni giorno perché conduciamo stili di vita troppo sedentari. Se però il sesso conta nell’incidenza dell’esercizio fisico allora è grandioso.

Nello specifico mezz’ora di sesso aiuta a dimagrire bruciando, secondo un precedente studio (2013) della University of Quebec, in media 70-100 calorie. Quantitativo che risulterebbe superiore qualora si prolungasse l’attività o si scegliessero posizioni più impegnative dal punto di vista della resistenza fisica.

Il sesso aumenterebbe naturalmente il ritmo cardiaco, risultando equivalente, secondo gli esperti australiani, a 15 minuti di nuoto di moderata intensità o a 23 minuti di pedalata a moderata intensità.

Un modo che potrebbe contribuire a centrare l’obiettivo giornaliero fissato dall’American Heart Association’s, che raccomanda un minimo di 30 minuti di moderata attività aerobica ogni cinque giorni.

Anche la pelle sembrerebbe beneficiare dal sesso, grazie in particolare alla produzione di un neurotrasmettitore, l’endorfina, e di un ormone, la serotonina.

Le endorfine in particolare favorirebbe la produzione di nuove cellule cutanee e di collagene naturale. L’effetto è quello di ridurre le rughe e attenuare le cicatrici legate all’acne. Sudare attraverso i pori del viso aiuterebbe inoltre la pelle del volto a eliminare batteri e impurità, che verrebbero poi “lavate” via da una successiva doccia.

Benefici derivanti dal sesso anche per l’umore e la riduzione dello stress, come ha sottolineato il Prof. Matt Tilley, l’altro autore dello studio. Attenzione però ad avere un atteggiamento positivo e consensuale durante il rapporto, sentimenti contrari porterebbero a risultati altrettanto opposti:

Esiste la comprensione di noi stessi come individui sessuali capaci di soddisfare il nostro partner e allo stesso tempo capaci di ottenere piacere per noi stessi.

Questi sentimenti consentono di migliorare la nostra conoscenza di sé e la nostra autostima, e più in generale migliorare il nostro umore o semplicemente aiutarci a mantenerlo alto.

Un quinto beneficio sarebbe riservato agli uomini, che dal sesso otterebbero un particolare vantaggio per il riposo: tale attività favorirebbe un sonno profondo grazie alla produzione, al momento dell’orgasmo, di prolattina, prodotta seppur in misura inferiore anche dalle donne.

Tra le altre sostanze secrete e in grado di indurre la sensazione di sonnolenza vi sono anche l’ossitocina, la serotonina, la vasopressina e la norepinefrina.

30 agosto 2016
Fonte:
Lascia un commento