Una condizione di estremo disagio e sofferenza quella vissuta da sedici cani tenuti a catena corta, in un ambiente malsano, ricco di immondizie, lamiere e pezzi di metallo. Il fatto è accaduto a Francavilla Marittima, in provincia di Cosenza, scoperto dal Corpo forestale dello Stato che è intervenuto sequestrando la struttura e mettendo in salvo i quadrupedi. L’intervento è stato messo in atto rapidamente per prevenire e reprimere i reati sugli animali.

Un uomo è stato denunciato per aver maltrattato i sedici cani, costringendoli a una vita di miseria. Il soggetto, di cui non si conosce il nome, è stato deferito all’autorità giudiziaria per “detenzione incompatibile alle loro caratteristiche etologiche”.

Gli animali erano costretti impropriamente in un grande spazio agricolo, con poca libertà di movimento e ripari improvvisati. Per cucce fusti arrugginiti di metallo, spesso pericolosi per la loro salute, quindi catene corte fissate a paletti per limitare gli spostamenti. Molti di questi cani potevano solo girare intorno al paletto, solcando la terra con le zampe e creando un cerchio ristretto. Le condizioni rilevate dal personale veterinario del Distretto Sanitario di Trebisacce, su richiesta del Corpo Forestale, sottolineano una forte condizione di malnutrizione e sofferenza.

Per i cani solo ciotole vuote o con acqua stagnante piena di alghe e fango. Accanto ai ripari provvisori solo sporcizia e immondizia. Per gli animali è stato subito imposto il sequestro penale, su richiesta del Magistrato di turno presso la Procura della Repubblica di Castrovillari. I cani sono stati trasferiti in massa presso un centro idoneo per le cure e il recupero, un’ambiente di sostegno che consenta loro di prendere peso e forze. L’operazione di salvataggio è nata dopo una serie di controlli nei comuni di Cerchiara di Calabria e Corigliano, ad opera del Nirda (Nucleo Investigativo per i Reati a Danno degli Animali), quindi dei Comandi Stazione di Cerchiara di Calabria e Corigliano Calabro.

15 aprile 2014
Fonte:
QN
I vostri commenti
maria pia, mercoledì 16 aprile 2014 alle23:01 ha scritto: rispondi »

vorrei che l'essere che ha trattato i cani in questo modo atroce possa provare qualche giorno e qualche notte la soltudine e la sofferenza.

claudia maini, mercoledì 16 aprile 2014 alle12:34 ha scritto: rispondi »

Pene SEVERE per chi commette queste malvagita'!!!!!! Multe salate, carcere e il divieto assoluto di detenere nel futuro animali di qualsiasi genere!!!!! Non sono degni nemmeno di essere chiamati esseri "umani"!!!!!!

Lascia un commento