I semi di quinoa si ricavano dai frutti maturi della Chenopodium quinoaa una pianta erbacea che appartiene alla famiglia delle Chenopodiaceae, come gli spinaci o le barbabietole. La quinoa è una pianta antica e la sua coltivazione è tipica delle aree delle regioni andine. Il suo uso nell’alimentazione umana è iniziato ai tempi degli Inca, che la consideravano “la madre di tutti i semi”.

I semi di quinoa possono essere trattati e consumati come se fossero cereali e, dunque, inseriti nelle ricette e nell’alimentazione settimanale per variare la principale fonte di carboidrati del pasto. Gli stessi semi possono essere macinati per preparare la farina di quinoa, un derivato utile per la preparazione di dolci e biscotti.

Vediamo quali sono le caratteristiche nutrizionali della quinoa.

Caratteristiche nutrizionali

I semi di quinoa hanno un apporto calorico simile a quello dei cereali: una porzione da 100 g apporta circa 350 kcal, a maggior parte delle quali deriva dai carboidrati che ne costituiscono circa il 60% del peso. Le proteine e i grassi rappresentano il 14% ed il 5% del peso rispettivamente.

L’apporto proteico delle quinoa è interessate soprattutto per il valore biologico delle proteine contenute in questi semi: l’apporto di amminoacidi essenziali è piuttosto completo. I semi di quinoa sono una buona fonte di sali minerali, soprattutto magnesio, ferro, calcio e fosforo. Molto buono è anche l’apporto di fibra alimentare, circa il 7% del peso dei semi, che favorisce il controllo dell’indice glicemico del pasto e il mantenimento della corretta funzionalità intestinale.

Come mangiare i semi di quinoa

I semi di quinoa possono essere consumati una o più volte alla settimana al posto di una porzione di cereali. In pratica, la quinoa può essere utilizzata per la preparazione di primi piatti, zuppe e piatti unici esattamente come si potrebbe fare con il riso o il grano, ad esempio.

Di seguito qualche esempio su come servirla.

Quinoa alla zucca

Ingredienti per 4 persone:

  • 320 g di semi di quinoa lessati;
  • 400 g di polpa di zucca cotta al vapore;
  • 2 g di scalogno sminuzzato;
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Mettete in una padella antiaderente l’olio extravergine di oliva e lo scalogno sminuzzato e fate imbiondire a fuoco medio mescolando spesso. Aggiungete la polpa di zucca cotta al vapore e tagliata a dadini. Mescolate bene e fate insaporire per qualche minuto, quindi unite la quinoa e saltate in padella a fuoco medio alto. Servite caldo.

A seconda dei gusta questa ricetta può essere servita con un po’ di pepe o di noce moscata.

Pomodori con i semi di quinoa

Ingredienti per 4 persone:

  • 8 pomodori del tipo “a grappolo” maturi;
  • 200 g di semi di quinoa;
  • 400 g di patate;
  • 4 cucchiai di olio d’oliva extra vergine di oliva.

Lavate i pomodori e togliete, con l’aiuto di un coltello affilato, la calotta. Estraete la polpa e i semi con un cucchiaino e raccogliete tutto in una ciotola. Unite alla polpa dei pomodori l’aglio sminuzzato, la patate tagliate a dadini, i semi di quinoa crudi e 2 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Riempite i pomodori con il composto e chiudere con le calotte tagliate. Sistemate i pomodori ripieni in una teglia antiaderente da forno e condite con il restante olio. Cuocete in forno caldo a 180°C per circa 45 minuti. Se in cottura la preparazione si asciuga troppo, basterà aggiungere poca acqua calda sul fondo della teglia.

23 febbraio 2016
Lascia un commento