Il seitan è un alimento proteico ricavato dal glutine della farina di grano tenero o, in alternativa, di altri cereali: per le sue caratteristiche nutrizionali è piuttosto comune che venga definito “carne vegetale”.

Il seitan si ottiene dilavando dalla farina la porzione amidacea e poi lessando la pasta ottenuta in acqua, salsa di soia ed eventuali verdure aggiunte per insaporite il brodo di cottura.

Con la carne condivide l’aspetto, ma ha un gusto decisamente più delicato e una maggiore morbidezza. Nonostante alcuni considerino il seitan un recente escamotage per chi non vuole o non può mangiare carne, questo cibo è in realtà molto antico. Fa parte della più antica tradizione culinaria: secondo la storia della gastronomia nipponica questo cibo fu per la prima volta preparato dei monaci buddisti.

Da punto di vista nutrizionale, il seitan apporta una quantità di proteine paragonabile a quella della carne: il 18% del peso. Contiene pochi grassi ed è del tutto privo di colesterolo. La “carne vegetale”, tuttavia, è carente di lisina, uno degli amminoacidi essenziali e di ferro: sarà utile tenerne conto per la scelta degli alimenti da consumare nel resto della giornata.

In cucina è un ingrediente piuttosto apprezzato, sia per la facilità di preparazione, sia perché si presta ad essere cucinato in modo creativo. Vediamo a questo proposito due ricette per servilo condito con il curry.

Seitan al curry con il riso basmati

Ingredienti:

  • 200 g di riso basmati;
  • 320 g di seitan al naturale;
  • 100 g di carota;
  • 50 g di cipolla bianca;
  • 2 cucchiaini di curry;
  • 3 cucchiai d’olio extravergine d’oliva;
  • 100 ml di latte di soia;
  • 2 cucchiai di farina.

Sciacquate il riso in acqua corrente, senza lasciarlo in ammollo, finché l’acqua sarà senza residui. In un tegame antiaderente mettete un cucchiaino di olio extra vergine di oliva, il riso basmati e abbastanza acqua per coprirlo. Portate a ebollizione, poi lasciate cuocere per 10 minuti coperto a fuoco basso. Infine spegnete la fiamma e lasciate riposare per lo stesso intervallo di tempo, tenendo il coperchio chiuso. Il riso tenderà così a compattarsi, pertanto prima di servirlo servirà “sgranarlo” con l’aiuto di una forchetta.

In un tegame a parte iniziate la preparazione del saitan al curry: tagliate il panetto prima in fette e poi in fettine sottili e mettetele ad insaporire in una terrina con una spolverata di curry. Nel frattempo tagliate la cipolla finemente e la carota, quindi cuocetele in una padella antiaderente con l’olio extravergine di oliva. Dieci minuti dopo unite il seitan, il latte, la farina e il resto del curry. Lasciare cuocere per dieci minuti circa e servite accompagnato con il riso basmati fumante.

Seitan alla piastra con salsa al curry

Ingredienti per 4 persone:

Per il seitan alla piastra

  • 320 g di seitan;
  • 2 cucchiai di olio extravergine d’oliva;
  • mix di erbette aromatiche provenzali: timo, maggiorana, rosmarino.

Per la salsa al curry

  • 150 g di cipolla bianca;
  • 250 ml di latte di soia;
  • 1 cucchiaio di farina;
  • 2 cucchiaini di curry;
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva.

Iniziate la preparazione della ricetta mettendo a marinare le fette di seitan in un piatto con il mix di erbe aromatiche e l’olio extravergine di oliva. Nel frattempo preparate la salsa di curry: dorate la cipolla bianca sminuzzata in 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva, quindi unite un cucchiaio di farina, il latte di soia e mescolate bene per evitare la formazione di grumi. Unite il curry e cuocete per qualche minuto fino ad ottenere una salsa liscia ed omogenea. Cuocete su una piastra bollente circa 5 minuti per lato e poi servite caldo con la salsa di curry.

30 aprile 2015
Immagini:
Lascia un commento