In molti sono rimasti con lo sguardo rivolto verso l’alto, tra la notte di domenica e lunedì, per ammirare lo spettacolo dell’eclisse della Superluna. Eppure, quella stessa romantica notte è stata l’occasione ideale per un gruppo di bracconieri, pronti a uccidere sei esemplari di rinoceronte in una riserva africana. Un evento tragico, che sottolinea di nuovo quanto ancora debba essere fatto per limitare ed eradicare la piaga della caccia di frodo, alimentata in particolare dall’alta domanda di corni sui mercati asiatici.

Le carcasse di sei rinoceronti sono state trovate dalle autorità della Hluhluwe Game Reserve, in Sudafrica, all’indomani della rossa Superluna. Secondo quanto riferito da Ecorazzi, la notte dell’eclisse si sarebbe configurata come un’occasione speciale per i bracconieri, pronti ad approfittare della luce notturna più fioca, ma anche forse del ridotto numero di controlli dovuto all’evento speciale. Musa Mntambo, portavoce di Ezemvelo KZN Wildlife, ha inoltre spiegato come quattro corpi senza vita siano stati rinvenuti nelle immediate vicinanze, per dei rinoceronti probabilmente appartenenti allo stesso gruppo, mentre altri due deriverebbero invece da un secondo episodio di bracconaggio.

La scoperta aumenta in modo preoccupante il bilancio del 2015 delle vittime da caccia illegale: dall’inizio dell’anno, infatti, sono stati ben 749 gli animali a trovare la morte, affinché gruppi armati senza scrupoli potessero rubarne i preziosi corni. Un fenomeno in aumento rispetto all’anno precedente, quando a perdere la vita sono stati circa 700 esemplari. David Mabunda, CEO di Ezemvelo, ha così commentato il triste episodio e il conseguente ritrovamento:

È davvero triste che questo bracconaggio sia avvenuto mentre celebriamo il nostro patrimonio. Per quanto siamo scioccati dalla scoperta di queste carcasse, non dobbiamo perdere la speranza. Incrementeremo i nostri controlli di terra e chiederemo alle comunità residenti nelle zone adiacenti alle aree protette di continuare a fornire informazioni, affinché possano aiutarci a proteggere al meglio i nostri rinoceronti.

30 settembre 2015
Fonte:
Lascia un commento