Un’ora di movimento al giorno per vincere la sedentarietà. A sostenerlo è un nuovo studio appena pubblicato su The Lancet, rivista di pubblicazione medico-scientifica, che sostiene come le linee guida dell’OMS sottostimino le reali necessità dell’organismo in relazione al trascorrere otto ore al giorno seduti.

Contro la sedentarietà servirebbe quindi almeno un’ora di movimento, non necessariamente intenso, secondo quanto riportato dagli autori dello studio ovvero i ricercatori dell’Università di Cambridge e della Scuola Norvegese di Scienze dello Sport.

Secondo i dati contenuti nel rapporto il rischio di mortalità connesso allo scarso movimento sarebbe del 9,9% in coloro che trascorrono seduti 8 ore al giorno e non praticano attività fisica, mentre scenderebbe al 6,8% in caso di 4 ore trascorse seduti con un’ora di esercizio giornaliera.

Non è necessario tuttavia, spiegano gli esperti, che l’esercizio fisico sia di particolare intensità. Può essere svolta anche una attività più leggera come camminare a passo sostenuto per un’ora, anche suddividendo i 60 minuti nell’arco della giornata. Come ha sottolineato Ulf Ekelund, autore principale dello studio:

Non c’è bisogno di fare sport, non c’è bisogno di andare in palestra. Va bene anche camminare a ritmo sostenuto, magari al mattino, durante la pausa pranzo, dopo cena la sera.

29 luglio 2016
Fonte:
Lascia un commento