A scuola con il cane: la sperimentazione in Russia

Diversi studi l’hanno confermato nel corso degli ultimi anni: la presenza di un animale domestico, in particolare di un docile cane, rende lo studio più proficuo e meno stressante. Non a caso, diverse università statunitensi stanno introducendo la figura del cane da campus, un esemplare addestrato per la pet-therapy affinché possa essere di conforto agli studenti. Un progetto analogo trova spazio in Russia, nella città di Krasnojarsk, coinvolgendo però alunni delle scuole primarie anziché adulti universitari.

L’iniziativa è nata dal governo regionale locale, in piena Siberia, dove si è deciso di affiancare un gruppo di cani agli alunni di una scuola primaria, per gestire lo stress, alimentare l’autostima, garantire momenti di svago e di felicità. Chiamato “Il cane dona la gioia ai bambini”, così come spiegato da Rai News, il progetto vede delle classi cinofile speciali, dove i quadrupedi vengono ospitati in appositi spazi, ricchi di strumenti e giochi adatti al loro svago.

=> Scopri perché gli studenti imparano di più con il cane


Gli studenti dell’istituto possono interagire con gli animali, addestrarli, giocare con loro con l’aiuto di frisbee e altri rimedi. Ancora, vi sono percorsi di agility per insegnare ai cani a salire su assi, superare ostacoli e imparare simpatici e utili trucchi.

Così come specifica sempre Rai News, tutte le classi possono partecipare al progetto, inoltre è stata prevista una struttura affinché anche gli studenti disabili possano interagire facilmente con gli animali. Al momento, sono 40 i cani disponibili per gli studenti, sia di razza che meticci, tutti addestrati per essere docili, rispettare i più piccoli e interagire positivamente nell’ambiente scolastico.

=> Scopri i benefici del cane a scuola


La sperimentazione, iniziata nella città di Krasnojarsk, verrà presto estesa anche ad altre realtà: diversi istituti, dati gli esiti positivi di questo test, hanno manifestato l’intenzione di avviare dei programmi del tutto analoghi.

5 aprile 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento