Scrivania ergonomica: come calcolare l’altezza giusta

In ambito domestico o sul lavoro, poter contare sulle potenzialità di una scrivania ergonomica rappresenta un valore aggiunto notevole dal punto di vista della produttività e della salute, a tutte le età. Dotarsi di un tavolo di lavoro strutturato in modo ottimale non significa, tuttavia, essere costretti a spendere cifre esose per acquistare sofisticati oggetti di design: spesso infatti è sufficiente regolare l’altezza della scrivania e prestare molta attenzione alla sedia, impostando una postura che non esponga al rischio di sviluppare dolore alla schiena e agli arti, soprattutto se si trascorrono numerose al giorno chini su un tavolo.

=> Scopri quanto sono diffusi i dolori da ufficio


La comparsa di mal di schiena e, ancora di più, di dolori al collo, coinvolge un numero cospicuo di persone e rappresenta spesso una causa di assenza dal lavoro per malattia. Se negli ambienti professionali spetta ai datori di lavoro predisporre attrezzature in line con le linee guida specifiche volte a tutelare la salute dei dipendenti, nelle abitazioni private è comunque possibile creare postazioni comode e del tutto ergonomiche.

Scrivania ergonomica: cos’è?

Scrivania ergonomica

Per scrivania ergonomica si intende un tavolo da lavoro strutturato in modo da rispettare alcuni parametri relativi alla sicurezza, al confort e all’usabilità, facendo in modo che le prestazioni dell’individuo che lo utilizza siano ottimizzate e sia potenziata l’efficienza. L’ergonomia, infatti, rappresenta la scienza che si occupa di studiare l’interazione tra gli individui e il loro ambiente, in questo caso inteso come progettazione degli spazi e soprattutto delle attrezzature utilizzate, comprese quelle tecnologiche.

=> Scopri il rapporto tra uso del computer e mal di schiena


Una scrivania ergonomica deve quindi essere caratterizzata da un’altezza calcolata tenendo conto sia dell’altezza della persona che la utilizza, sia della collocazione della tastiera, del monitor e del mouse qualora il lavoro si svolga prevalentemente al pc. A rispondere a precise esigenze non è solo la scrivania ma anche la seduta, che svolge un ruolo fondamentale per agevolare il lavoro e tutelare la salute.

Caratteristiche

Scrivania

Prima di capire come effettuare il calcolo dell’altezza ideale della scrivania ergonomica, ecco sintetizzate alcune caratteristiche che la relativa seduta dovrebbe garantire:

  • tastiera e mouse posti sul ripiano della scrivania dovrebbero essere allineati con i gomiti;
  • monitor non troppo vicino e collocato sotto l’asse visivo orizzontale;
  • bacino poggiato su un cuscino in modo tale da essere lievemente inclinato in avanti;
  • ginocchia ad angolo retto;
  • gomiti ad angolo retto;
  • piedi poggiati a terra con tutta la pianta.

Calcolo altezza

Per calcolare con esattezza l’altezza della scrivania ergonomica è possibile utilizzare un calcolatore automatico disponibile online, in grado di fornire misure abbastanza precise dopo l’inserimento della propria altezza. In generale si può affermare che una scrivania ottimale, usata da persone di altezza media, dovrebbe essere alta circa 74 centimetri. Una postazione di lavoro che non rispecchia i parametri consigliati rischia di causare disturbi più o meno gravi, soprattutto se si pensa al tempo trascorso in questa posizione nel corso dei mesi e degli anni. Possono manifestarsi mal di schiena e dolori alla cervicale ma anche problematiche senza dubbio più dolorose e invalidanti, come l’ernia del disco.

22 febbraio 2018
Immagini:
Lascia un commento