In vista di Expo 2015, Milano accelera il passo per non restare indietro sulla mobilità sostenibile. L’ultima iniziativa verde, messa in campo per allinearsi ad altre città virtuose europee, è lo scooter sharing, il servizio di condivisione delle moto nell’area urbana. Entro la fine dell’anno l’amministrazione comunale pubblicherà un bando aperto a tutte le società di servizi per assegnare, con criteri di trasparenza e affidabilità, la gestione dello scooter sharing in città.

Milano farà da apripista per le altre città italiane, ma anche per i capoluoghi europei. Finora lo scooter sharing è presente solo a Barcellona, dove i cittadini hanno a disposizione dal 2013 i mezzi del servizio Motit, e a Parigi, città che ha avviato Scootlib per volontà del sindaco Anne Hidalgo. L’assessore alla mobilità, Pierfrancesco Maran, illustra le ambizioni del progetto:

È un’idea affascinante perché non sarà un’iniziativa estemporanea: in questo modo a Milano qualsiasi tipo di mezzo di trasporto esistente sarà utilizzabile in condivisione.

Gli scooter in condivisione non dovranno essere necessariamente elettrici. Il loro numero dipenderà molto dalle offerte che arriveranno a Palazzo Marino. Inizialmente, come avvenuto a Barcellona, potrebbe trattarsi di poche decine di moto per poi ampliare la flotta in condivisione in base al gradimento del servizio da parte dei cittadini.

La speranza è che anche le moto in condivisione conquistino i milanesi come hanno fatto le auto dei vari servizi di car sharing e le bici di BikeMi. Gli iscritti totali al servizio di bike sharing del Comune di Milano hanno raggiunto quota 28 mila.

La spinta verso la mobilità sostenibile ha già dato buoni frutti nel capoluogo lombardo: basti pensare che se fino a pochi anni fa si contavano 65 automobili ogni 100 abitanti, oggi si è scesi a quota 55. L’obiettivo dell’amministrazione locale è raggiungere il record di città come Parigi e Barcellona, che possono vantare solo 30 auto ogni 100 abitanti.

1 settembre 2014
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento