I milanesi che vogliono spostarsi a basso impatto ambientale, lasciando a casa il mezzo privato, a breve avranno a disposizione un’ulteriore opzione. Nel capoluogo lombardo sta infatti per debuttare un nuovo servizio di scooter sharing erogato da Enjoy, la società di ENI che a Milano fornisce già un servizio di car sharing.

Il debutto del servizio di noleggio degli scooter condivisi era previsto inizialmente per la fine di marzo, con l’intento di poter mettere i mezzi a disposizione dei visitatori dell’Expo, l’esposizione internazionale inaugurata il 1° maggio scorso. Enjoy dovrebbe colmare il ritardo accumulato nelle scorse settimane, avviando il servizio di scooter sharing nel mese di giugno.

L’operatore ha sciolto il nodo dell’assicurazione del conducente e trovato una soluzione per i problemi igienici dovuti all’utilizzo condiviso del casco degli scooter, che verranno forniti con delle cuffie monouso. I caschi in dotazione saranno due e di taglie differenti.

In una prima fase, i milanesi potranno contare su una flotta di 150 scooter che copriranno il 90% dell’area urbana. I mezzi scelti sono i Piaggio MP3, motorini a tre ruote dotati di un sistema frenante anti bloccaggio ABS e del sistema di controllo di trazione elettronico ASR che migliora la sicurezza sull’asfalto bagnato e sul manto stradale poco aderente.

I Piaggio MP3 permettono di spostarsi agevolmente nel traffico, senza rischi, riponendo nell’ampio vano sottosella borsoni e documenti. I mezzi sono stati dotati di navigatore satellitare e adattati alle esigenze di utenti eterogenei. Per poterli guidare è necessaria la patente B.

L’ipotesi di utilizzare scooter elettrici è stata per ora scartata da ENI per via delle lacune logistiche ancora presenti a Milano, che avrebbero reso poco funzionale il servizio. La compagnia ha optato per degli scooter ibridi con bassi consumi che permettono di coprire 50 chilometri con un litro.

Per quanto riguarda i costi del servizio, il noleggio degli scooter dovrebbe aggirarsi tra i 25 e i 30 centesimi al minuto. Come avvenuto per le auto condivise, Enjoy applicherà tariffe differenti basate sul numero di chilometri percorsi.

Gli scooter potranno essere prelevati e riconsegnati su tutto il territorio comunale. Per localizzarli si potrà utilizzare un’applicazione per smartphone. Come per le Fiat 500, anche gli scooter potranno parcheggiare gratuitamente sulle strisce per residenti, sulle strisce blu e accedere liberamente alle ZTL.

Prossimamente a Milano dovrebbe fare il suo debutto anche un altro servizio di scooter sharing basato sui Tricity 125 della Yamaha. Per ora non si conoscono ulteriori dettagli sull’operatore che gestirà la flotta né la data di avvio del servizio.

Quel che è certo è che Milano diventerà una delle prime città al mondo a offrire servizi di scooter sharing, presenti finora in poche metropoli, da Barcellona e San Francisco. Se l’esperimento milanese dovesse avere successo, Enjoy ha in programma di estendere il servizio di scooter sharing anche a Roma.

26 maggio 2015
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento