Scoiattolo odia il Natale e distrugge le luminarie in città

Non deve amare particolarmente il Natale, considerato come si sia lanciato nella distruzione di gran parte delle luminarie della sua città. Il responsabile di un simile e inspiegabile gesto, però, non è un vandalo alla ricerca di notorietà, bensì un apparentemente innocuo scoiattolo. È quanto accaduto negli Stati Uniti, in una cittadina del New Jersey.

A confermare l’identificazione del colpevole è la stessa polizia locale, tramite un portavoce del dipartimento di Sea Girt. Gli agenti indagavano sul caso ormai da qualche tempo: dalla prima apparizione delle luminarie, montate in occasione del Giorno del Ringraziamento, un misterioso vandalo ha ripetutamente strappato i cavi delle illuminazioni sia pubbliche che private, rovinando così la magia tipica del Natale.

=> Scopri lo scoiattolo aggressivo che terrorizza Brooklyn


Inizialmente, così come già accennato, si è pensato all’azione di un vandalo, forse qualche ragazzino annoiato e con troppo tempo a disposizione. Tuttavia, grazie anche alle segnalazioni degli stessi cittadini e alla raccolta di alcune fotografie, è emerso come il colpevole sia in realtà uno scoiattolo. L’animale, forse confondendo le luci con qualche insolita ghiottoneria, ne ha infatti ripetutamente rosicchiato i cavi fino a tranciarli.

=> Scopri lo scoiattolo mascotte tristemente ricordato dalla polizia


Fortunatamente, sembra che per l’animale non vi siano state conseguenze pericolose dall’atto, forse perché alcune delle lucine prese di mira sono alimentate a basso voltaggio. In ogni caso, il dipartimento di polizia ha deciso di rilasciare un simpatico comunicato, per rassicurare la popolazione:

Il dipartimento di polizia di Sea Girt è orgoglioso di annunciare la risoluzione del caso relativo alla distruzione delle nostre luci natalizie. Siamo contenti che nessun umano si sia comportato come un Grinch per questo incidente. Lo scoiattolo è stato “accusato” di vandalismo e rilasciato a seguito del pagamento della cauzione.

5 dicembre 2017
Fonte:
UPI
Lascia un commento