È una storia davvero singolare, quella che ha visto protagonisti un gruppo di quattro piccoli, e molto sfortunati, scoiattoli. Gli animali, di giovane età, si sono infatti ritrovati con le loro code legate, bloccate da un accumulo di pelo. L’intervento tempestivo di un uomo, tuttavia, ha permesso di risolvere la fastidiosa problematica.

Il tutto è accaduto a Bangor, località statunitense del Maine, dove quattro scoiattoli sono stati avvistati con le loro code legate, con ogni esemplare pronto a orientarsi verso una direzione diversa. Un uomo, considerato come la scena sia avvenuta nei pressi della sua abitazione, ha notato la presenza di un gatto incuriosito e, allontanato il felino, ha scovato i piccoli roditori in difficoltà. Nelle vicinanze degli animali anche un esemplare adulto, probabilmente la madre di questi cuccioli.

=> Scopri lo scoiattolo meridionale


Dopo aver avvertito il gestore dell’area verde dove gli scoiattoli sono stati avvistati, il quale non sarebbe potuto arrivare in loco prima di un’ora, con l’aiuto del padre l’uomo è riuscito a catturare gli animali per inserirli in una scatola, per scoprire cosa fosse successo. Dopo un breve spavento, i cuccioli hanno raggiunto la calma ed è quindi stato possibile ispezionare le loro code: queste sono apparse legate fra loro da una grande massa di pelo arruffato, un nodo poi sciolto con tantissima pazienza. Con l’aiuto di un paio di forbici, infatti, il pelo in eccesso è stato rimosso e gli animali finalmente liberati.

=> Scopri lo scoiattolo salvato da Ricky Gervais


I piccoli scoiattoli sono stati quindi ricondotti nel luogo del ritrovamento, pronti per tornare immediatamente sotto la custodia della preoccupata madre. Sembra che i cuccioli siano comunque apparsi in ottime condizioni di salute, pronti ora a ricominciare la loro esistenza fortunatamente liberi da dolorose costrizioni. Come facile intuire, la notizia è diventata immediatamente virale sui social network, nonché ampiamente condivisa dagli utenti.

24 maggio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
UPI
Lascia un commento