Aggiornamento 1 ottobre: In seguito a un incontro tra le sigle sindacali promotrici dello sciopero dei trasporti in relazione al servizio TPL si informa che è stato siglato un accordo tra i sindacati e l’assessore Esposito per il differimento dell’agitazione. Non ha aderito all’accordo USB-Unione Sindacale di Base, che conferma quindi lo sciopero ATAC di 24 ore previsto per venerdì 2 ottobre, con le modalità di seguito descritte.

Sciopero del trasporto pubblico a Roma venerdì 2 ottobre 2015. Nuova agitazione sindacale, indetta dalla sigla USB, della durata di 24 ore. Previste come di consueto alcune fasce di garanzia a tutela dei viaggiatori, a fronte di uno stop che coinvolgerà sia i mezzi ATAC che quelli TPL.

A fermarsi per lo sciopero del trasporto pubblico di venerdì 2 ottobre a Roma saranno autobus, linee metro, tram, filobus e reti bus periferiche. A queste si aggiungeranno anche le linee ferroviarie locali (Termini-Centocelle, Roma-Lido e Roma-Viterbo), mentre vengono indicate da ATAC come a rischio anche le corse notturne tra il 2 e il 3.

La prima fascia di garanzia è prevista da inizio servizio fino alle ore 8:30, orario di inizio dello sciopero del trasporto pubblico. Mezzi fermi fino alle 17, quando prenderà il via la seconda fascia di garanzia (compresa tra le 17 e le 20). Lo stop riprenderà dalle ore 20 fino al termine del servizio.

I mezzi TPL seguiranno il medesimo orario indicato per il personale ATAC, con lo sciopero organizzato in questo secondo caso dalle sigle sindacali CGIL, CISL, UIL, USB, SUL e FAISA-CISAL.

Per chi non volesse o non disponesse di una propria vettura si ricordano infine le possibili alternative al trasporto pubblico offerte dai servizi di car sharing, bike sharing o carpooling. Presente inoltre la possibilità di scegliere per i propri spostamenti l’uso della propria bicicletta.

29 settembre 2015
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento