Sciopero dei trasporti pubblici a Roma previsto per venerdì 24 maggio. L’agitazione è proclamata dall’Unione Sindacale di Base (USB) dei dipendenti ATAC insieme con l’Azienda del Consorzio Roma TPL (Trotta Bus). La durata sarà di 24 ore, con alcune pause in virtù del consuete fasce di garanzia.

>>Leggi i dati 2013 sul calo di auto e l’aumento di bici a Roma

Lo sciopero del trasporto pubblico locale di Roma interesserà autobus, metropolitana (Linea A e B), tram, filobus e le ferrovie Roma-Lido, Roma-Civitacastellana-Viterbo e Termini-Giardinetti. Disagi possibili anche per le linee periferiche di “Roma TPL”, con riferimento alle tratte gestite da Trotta Bus: 077, 218, 702, 720, 721, 764, 767 e 768.

>> Scopri il servizio car sharing a Roma

Gli orari dello sciopero sono comuni alle varie tipologie di mezzi pubblici interessate e prevedono lo stop dei mezzi dalle 8:30 alle 17 e dalle 20 a fine turno. Al momento dall’Assessorato alla Mobilità di Roma Capitale non risulta alcuna disposizione per l’apertura straordinaria dei varchi elettronici, che risulteranno quindi attivi secondo i normali orari.

Ulteriori disagi per i pendolari potranno essere infine causati dai lavori per la realizzazione della metro C, con lo spostamento di alcune fermate degli autobus in transito nei pressi di piazza del Colosseo. A disposizione dei cittadini sarà inoltre attivo, 24 ore su 24, il numero di riferimento per la mobilità a Roma 06.57003.

21 maggio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
riccardo, martedì 21 maggio 2013 alle22:11 ha scritto: rispondi »

lo sciopero dei mezzi pubblici a date ricorrenti mi genera il sospetto che ci siano più motivi politici che economici. Mi rammento che il problema principale è quello dei turni e degli orari di lavoro. Ho visto in TV un servizio del lavoro degli operai specializzati o meno in una fabbrica di componenti elettronici per I pad e i phone o simili nelle Filippine. Commento: che pacchia in Italia. Ma perchè non ringraziare il destino che ti ha voluto gratificare con un posto di lavoro e uno stipendio fisso ? Ma perchè non unire le forze, produrre ed evitare scioperi che hanno più il sapore di un week end anticipato che di una vera rivendicazione ? Avete fatto caso che quando con un laconico cartello si annuncia uno sciopero dei mezzi pubblici (ad esempio stazione metro) non si pubblicizza mai il motivo dello sciopero? Sono favorevole agli scioperi contro gli abusi, lo sfruttamento, il mobbing e i licenziamenti immotivati, sono favorevole in modo estremo alle manifestazioni dei lavoratori che perdono il posto di lavoro a causa di interessi economici globalizzati. Pensate solo a quel Moloch della Tyssen Krupp che è venuta a prenderci in giro in casa nostra. Ma chi ha un lavoro sicuro, retribuito e con tutte le garanzie di legge, mi spiegate perchè sciopera proprio in questo momento così difficile e senza dare pubbliche spiegazioni ? Ma volete scrivere sotto l'annuncio dello sciopero il PERCHE' ? No agli scioperi strumentali

Lascia un commento