Aggiornamento: È stata revocata la fascia serale di sciopero indetta dall’USB (Unione Sindacati di Base), in programma dalle 20 fino alle 24. A partire dalle 17 saranno quindi disponibili autobus, filobus, tram. Via libera anche alle linee metropolitane, che oggi quindi saranno attive durante l’intera giornata. Restano a rischio i trasporti periferici a causa dello sciopero dei sindacati Confederali.

Nuovo sciopero dei trasporti pubblici a Roma. Venerdì 18 ottobre saranno a rischio per 24 ore i mezzi Atac, con alcune significative differenze per quanto riguarda le modalità di svolgimento dell’agitazione. Saranno come al solito assicurate alcune fasce di garanzia a tutela dei cittadini.

Lo sciopero del trasporto pubblico a Roma del 18 ottobre è promosso da CUB (Confederazione Unitaria di Base), Cobas e Confederazione USB insieme con altre sigle sindacali. Alla base dell’agitazione alcuni tagli previsti dal Governo Letta oltre ad alcune richieste inerenti l’orario di lavoro e il riconoscimento di bonus su stipendi e pensioni. Previsti inoltre ulteriori tre scioperi organizzati da Fit-CISL.

Autobus, tram e filobus si fermeranno dalle 8:30 alle 17 e dalle 20 fino al termine del normale turno di servizio. Garantito quindi il funzionamento dei trasporti pubblici fino alle 8:30 e nel periodo compreso tra le 17 e le 20. Modalità di sciopero differenti per quanto riguarda le tre linee della metropolitana A, B e B1, che si fermeranno dalle 20 fino al termine del turno di lavoro.

Dalle 8:30 alle 12:30 sarà in corso il secondo sciopero (durata 4 ore) della giornata, indetto in questo caso dalla Fit-CISL. Previsti come detto due ulteriori scioperi (durata 24 ore) organizzati dai sindacati Confederali e che riguarderanno nello specifico i mezzi gestiti da Roma TPL. A rischio saranno soprattutto i collegamenti periferici.

14 ottobre 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento