Sarà una giornata di sciopero dei trasporti l’8 marzo 2017. La Festa della Donna vedrà in molte città agitazioni sindacali che coinvolgeranno i mezzi pubblici locali, con orari e modalità di svolgimento che varieranno nei differenti centri urbani. Coinvolte dallo stop saranno tra le altre Roma, Firenze, Milano, Bologna, Trieste, Napoli e Genova.

=> Scopri le possibili alternative al trasporto pubblico

Lo sciopero nazionale trasporti dell’8 marzo 2017 andrà ad affiancarsi alla più generale agitazione del pubblico impiego, prevista per la stessa giornata di mercoledì. In diversi casi si tratta di un’adesione motivata sul sito della Trieste Trasporti S.p.a. dal desiderio di manifestare la propria posizione:

Contro la violenza sulle donne, la discriminazione nei luoghi di lavoro, la chiusura dei Centri antiviolenza, l’obiezione di coscienza nei servizi sanitari pubblici, contro la precarietà, la privatizzazione del welfare, per il diritto a servizi pubblici gratuiti ed accessibili, al reddito, alla casa, al lavoro e alla parità salariale, afl’educazione scolastica, alla formazione di operatori sociali, sanitari e del diritto; per il sostegno economico per le donne che denunciano le violenze.

Queste le modalità di svolgimento e gli orari previsti nelle suddette città italiane:

  • Roma – Sciopero di 24 ore indetto dai sindacati Orsa Tpl, Faisa Cisal, USB per il personale ATAC e da CGIL, CISL, UIL e USB per quello TPL. Coinvolti dallo sciopero i seguenti mezzi pubblici: autobus, tram, metropolitane, linee periferiche gestite da TPL e ferrovie locali (Roma-Lido, Roma-Civitacastellana-Viterbo e Termini-Giardinetti). Per quanto riguarda gli orari lo stop prende il via alle 8:30 per interrompersi alle 17, salvo poi riprendere dalle 20 fino al termine del servizio. Previste fasce di garanzia (fino alle 8:29 e tra le 17 e le 20). Sono a rischio anche i mezzi notturni in circolazione tra l’8 e il 9 marzo e i servizi all’interno delle stazioni metro quali ascensori, montascale e scale mobili.
  • Milano – Sciopero generale di 24 ore, aderente a quello nazionale indetto da USB. Mezzi pubblici a rischio nel capoluogo milanese dalle 8:45 alle 15 e dalle 18 fino al termine del servizio.
  • Firenze – Agitazione sindacale della durata di 24 ore indetta da O.S. Cobas-Confederazione dei Comitati di Base e USB. Il trasporto pubblico fiorentino sarà a rischio dall’inizio del servizio fino alle 6; dalle 9:15 fino alle 11:45; dalle 15:15 fino al termine del servizio. Operai e impiegati si asterranno per l’intero turno di lavoro.
  • Bologna – Bus, corriere e filovie saranno a rischio dalle 8:30 ale 16:30 e dalle 19:30 fino al termine del servizio. Garantite durante lo sciopero soltanto le corse che prenderanno il via dal capolinea fino alle 8:15 e fino alle 19:15. Per effetto dell’agitazione sindacale potranno essere sospesi i servizi presso biglietterie e sportelli Tper (con particolare riferimento a quelli di San Donato 25 e via Marconi.
  • Genova – Lo sciopero di 24 ore indetto da USB interesserà come segue l’area di Genova: astensione del personale viaggiante per l’intera giornata, a eccezione delle fasce di garanzia (6-9 e 17:30-20:30), mentre il restante personale si asterrà per l’intero turno di servizio. Per quanto riguarda la tratta ferroviaria Genova-Casella l’astensione sarà la medesima, con la sola variazione (per il personale viaggiante) della fascia di garanzia mattutina (6:30-9:30). Servizio comunque garantito per i portatori di handicap.
  • Napoli – A rischio nel centro partenopeo le linee vesuviane, flegree e suburbane gestite da EAV Srl. Differenti gli orari di stop a seconda della linea scelta, per i queli si rimanda nel dettaglio al sito ufficiale della compagnia.
  • Trieste – Sciopero in vigore a partire delle ore 2 dell’8 marzo fino alle 2 del giorno seguente, con il rispetto delle seguenti fasce di garanzia: dalle 6 alle 9; dalle 13 alle 16.

6 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento