Il 18 marzo 2016 si preannuncia un venerdì difficile per i trasporti pubblici. È previsto uno sciopero nazionale indetto dalle sigle CUB/SI-COBAS/USI-AIT che coinvolgerà non soltanto i mezzi locali, ma anche il traffico aereo e quello ferroviario. L’agitazione avrà una durata prevista di 24 ore.

Lo sciopero nazionale dei trasporti del 18 marzo 2016 seguirà differenti modalità a livello territoriale per quanto riguarda lo stop dei mezzi pubblici locali. Situazione che si preannuncia ad alto rischio a Roma, dove all’agitazione sopracitata si affiancherà quelle indette da Cambia-Menti M410, OSP ORSA TPL e OSR FILT-CGIL/FIT-CISL/UILT UIL.

Aerei, treni e taxi

Lo sciopero che interesserà il traffico aereo partirà dalle 00:01 del 18 marzo e terminerà alle 23:59 dello stesso giorno. Possibili ritardi nelle partenze e cancellazioni dei voli. Maggiori informazioni potranno essere richieste alla compagnia aerea di riferimento o al servizio clienti dell’aeroporto di partenza.

La rete ferroviaria sarà invece interessata dallo sciopero nazionale dei trasporti con modalità differenti. L’agitazione prenderà il via già dalle 21:01 di giovedì 17 e proseguirà fino alle 21:00 di venerdì 18 marzo. Le Frecce viaggeranno regolarmente, mentre saranno garantiti da Trenitalia alcuni treni, secondo i criteri indicati sul sito dell’azienda:

Nelle giornate di sciopero Trenitalia assicura servizi minimi di trasporto predisposti a seguito di accordi con le Organizzazioni sindacali, ritenuti idonei dalla Commissione di Garanzia per l’attuazione della Legge 146/1990.

Sono garantiti, inoltre, alcuni treni a lunga percorrenza, nei giorni feriali e nei festivi.

I treni che si trovano in viaggio a sciopero iniziato arrivano comunque alla destinazione finale se è raggiungibile entro un’ora dall’inizio dell’agitazione sindacale; trascorso tale periodo, i treni possono fermarsi in stazioni precedenti la destinazione finale.

Previsto inoltre uno sciopero nazionale dei tassisti, indetto dalle sigle SATAM/UNICA-CGIL/UTI/UGL TAXI/USB/UILT-UIL/FIT-CISL/FEDERTAXI-CISAL/ACAI-TAM/UNIMPRESA/URI-TAXI, per protestare contro quella che viene da loro stessi definita come una “deregolamentazione del settore e la distruzione del servizio pubblico taxi”. Alla base dello sciopero, che scatterà dalle 8 alle 22 di venerdì 18, alcuni emendamenti all’esame del Senato ritenuti delle evidenti aperture a favore di Uber.

Trasporto pubblico locale

Queste le modalità di svolgimento, relative ad alcune delle principali città italiane, dello sciopero nazionale del trasporto pubblico in programma venerdì 18 marzo 2016:

Roma

Nella Capitale la situazione si preannuncia più complicata rispetto ad altre città per la concomitanza di più agitazioni sindacali. Allo sciopero nazionale indetto da COBAS si aggiungeranno come detto quelli proclamati da Cambia-Menti M410, OSP ORSA TPL e OSR FILT-CGIL/FIT-CISL/UILT UIL.

L’intervento del prefetto di Roma Franco Gabrielli ha però ridotto la durata prevista delle agitazioni (rispetto alle 24 ore previste), che non potranno superare le 4 ore. Tutte le sigle hanno quindi concordato con la Commissione di garanzia che le modalità di svolgimento dello sciopero interesseranno unicamente la mattinata di venerdì 18 marzo.

L’inizio degli scioperi è stato quindi fissato per le 8:30, mentre le agitazioni termineranno alle 12:30. Coinvolti dallo sciopero i mezzi ATAC di superficie (bus, tram e filobus), la rete ferroviaria locale (Termini-Centocelle, Roma-Lido e Roma-Civita Castellana-Viterbo) e le linee metro A, B e C.

Milano

Lo sciopero indetto da SI COBAS e CUB Trasporti per quanto riguarda la città di Milano interesserà i trasporti locali secondo le seguenti modalità, indicate sul sito ATM:

Per le linee di superficie, dalle 8,45 alle 15,00 e dalle 18,00 al termine del servizio e, per le metropolitane, dalle 18 al termine del servizio. Per SGB dalle 18,00 alle 22,00.

Napoli

L’agitazione proclamata dal Sindacato Intercategoriale COBAS si svolgerà con differenti modalità a seconda dei mezzi interessati dallo sciopero. Le linee di superficie (bus) si fermeranno dalle 8:30 alle 17 e poi dalle 20 a fine servizio. Sono previste fasce di garanzia dalle 5:30 alle 8:30 e dalle 17 fino alle 20. Metro linea 1 e funicolari seguiranno orari specifici per ciascuna linee, disposti come segue:

  • Metro linea 1 – Partenze da Pisciola (Mattina: prima corsa ore 6, ultima corsa ore 9:14; Pomeriggio: prima corsa 17:29, ultima corsa 19:44). Partenze da Garibaldi (Mattina: prima corsa ore 6:20, ultima corsa ore 9:18; Pomeriggio: prima corsa 18:09, ultima corsa 19:48).
  • Funicolare Centrale-Chiana – Mattina: prima corsa ore 6:30, ultima corsa ore 9:20; Pomeriggio: prima corsa 17, ultima corsa 19:50.
  • Funicolare Montesanto-Mergellina – Mattina: prima corsa ore 7, ultima corsa ore 9:20; Pomeriggio: prima corsa 17, ultima corsa 19:50.

Genova

Nel capoluogo ligure lo stop del personale viaggiante sarà in vigore durante l’intera giornata, con fasce di garanzia 6-9 e 17:30-20:30. Il restante personale si asterrà dal turno per l’intera durata del turno di lavoro, mentre il servizio verrà garantito, come riportato sul sito AMT Genova, ai portatori di handicap.

Bologna e Ferrara

Lo sciopero del trasporto pubblico locale si svolgerà dalle 8:30 fino alle 16:30 e dalle 19:30 a fine turno. Previste fasce di garanzia dall’avvio del turno di venerdì 18 marzo alle 8:30 e dalle 16:30 alle 19:30. Interessati dall’agitazione saranno i “servizi automobilistici e filoviari TPER urbani, suburbani ed extraurbani dei bacini di Bologna e Ferrara”.

Per quanto riguarda invece le linee ferroviarie RFI e FER lo sciopero è previsto dalle ore 9 alle 18 e dalle 21 a fine turno. Il servizio verrà garantito nelle fasce orarie 6-9 e 18-21.

Firenze

Il servizio autobus gestito da ATAF sarà a rischio da inizio turno fino alle ore 6, poi di nuovo dalle 9:15 (ultime partenze dai capolinea alle 8:59) alle 11:45 e dalle 15:15 (ultime partenze ore 14:59) fino al termine del servizio. Si asterrà dal lavoro durante l’intera giornata il personale non viaggiante (operai e impiegati).

16 marzo 2016
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento