Via libera definitivo del Senato allo scioglimento del Corpo Forestale. L’approvazione della riforma della Pubblica Amministrazione porta con sé il tanto criticato provvedimento, contro il quale si sono espresse le associazioni ambientaliste, le sigle sindacali del settore e alcun forze politiche dell’opposizione.

L’approvazione del Senato alla riforma della PA messa a punto dal ministro Madia verrà messo in atto, un volta giunta la firma del Presidente della Repubblica Mattarella e l’avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il processo di “assorbimento delle funzioni di polizia del Corpo Forestale dello Stato in quelle delle altre forze di polizia e delle amministrazioni locali”.

Ciò avverrà attraverso la definizione di decreti attuativi, necessari in funzione dell’approvazione del provvedimento sotto forma di Legge Delega. Via libera che ha visto il voto favorevole di 145 senatori, 97 i contrari. Si procederà ora con lo spostamento delle risorse del Corpo Forestale verso quello dei Vigili del Fuoco, salvo poi procedere in via definitiva con l’accorpamento all’Arma dei Carabinieri.

Alessandro Giannì, direttore delle campagne di Greenpeace Italia:

Crediamo che il Paese abbia solo da perdere dalla cancellazione di un corpo di polizia specializzato in reati ambientali. Temi come il traffico di rifiuti o il contrasto all’importazione in Italia di legno illegale, questione oggetto di attiva collaborazione tra Greenpeace e Corpo Forestale dello Stato, rischiano ora di perdere l’attenzione che meritano.

Ci saremmo aspettati al contrario il potenziamento, il rafforzamento e l’efficientamento del Corpo Forestale. La lotta ai crimini ambientali è tra le più importanti sfide per il nostro Paese, nonché di rilevanza internazionale visto che molti dei reati hanno una palese connotazione e dimensione transfrontaliera.

4 agosto 2015
I vostri commenti
Angelo, domenica 14 febbraio 2016 alle23:18 ha scritto: rispondi »

Un pasticcio nient 'altro che un pasticcio. Un pezzo di storia che va via. Ma mi piacerebbe conoscere le vere motivazioni! Visto che il CFS e polizia, mentre i CC sono una forza armata ,quindi difesa . Su quale passaggio della COSTITUZIONE Magistratura e Esercito fanno polizia insieme?? Ma soprattutto tutto questo voluto da un governo senza mandato del popolo!! Non resta che sperare di avere un garante coscienzioso e non assistere all'ennesimo attento Costituzionale.

John, lunedì 1 febbraio 2016 alle20:15 ha scritto: rispondi »

Non vorrei sperare di togliere un corpo cosi' IMPORTANTE. Riflettete bene !!!!!!!!!

tonio, giovedì 6 agosto 2015 alle23:15 ha scritto: rispondi »

Esiste già da tempo la polizia provinciale. I forestali confluiranno nei vigili del fuoco.

Alessandra, giovedì 6 agosto 2015 alle12:25 ha scritto: rispondi »

Che schifo. Non posso dire ciò che penso altrimenti m'arrestano (alla faccia della libertà di pensiero e di parola) ma mi chiedo cosa aspettiamo a mandare "gentilmente" a casa questi signori che stanno arrogantemente svendendo il nostro povero Paese e pure noi. Nello specifico, guardando un pò indietro (anno 1970), secondo me hanno tolto di mezzo il Corpo che, comunque, un pò di filo da torcere -nella storia - gliel'ha dato... Ora se ci riusciamo mettiamoci l'animo in pace e guardiamo l'ennesimo scempio. Tutti quelli che non amano gli animali e la natura ringraziano sentitamente il Governo.

Mauro, mercoledì 5 agosto 2015 alle21:05 ha scritto: rispondi »

Senza sapere nulla, senza aver fatto referendum. Come si gestiranno i crimini ambientali? Che tra l' altro sono tra le prime priorità da risolvere nel mondo, dovrebbero invece finanziarli

Lascia un commento