Scimmie clonate come la pecora Dolly

Si ricorderà di certo la vicenda della pecora Dolly, il primo animale clonato della storia. Era il 1996 quando il curioso ovino è stato presentato al mondo e, nonostante oggi l’animale non sia più in vita, la sua vicenda è rimasta ben impressa nell’immaginario comune. Oggi la storia si ripete, con un esperimento di successo in Cina: i ricercatori sono infatti riusciti a clonare due esemplari di macaco, applicando le stesse tecniche impiegate per Dolly.

Gli esemplari si chiamano Zhong Zhong e Hua Hua: si tratta di due femmine di macaco dal corredo genetico del tutto identico, fra di loro indistinguibili proprio poiché non vi sono differenze sul fronte del DNA. L’unica diversità è relativa all’età: Zhong Zhong ha infatti otto settimane, mentre la sorella sei.

=> Scopri il cane clonato nel Regno Unito


Il processo di clonazione è avvenuto presso l’Accademia Cinese delle Scienze di Shanghai, per uno studio voluto e guidato da Mu-ming Poo, direttore dell’Istituto di Neuroscienze della stessa accademia. Per raggiungere un traguardo così importante – le due macachi sono infatti i primi primati clonati della storia – è stato prelevato il materiale genetico di Zhong Zhong e, dopo essere stato inglobato in una cellula priva di nucleo, la combinazione ottenuta è stata portata allo stato embrionale per poi essere impiantata in una madre surrogato.

Secondo i ricercatori alla base del progetto, il successo ottenuto sulle scimmie ha un’importanza storica, poiché si tratta della specie maggiormente vicina all’uomo dal punto di vista genetico. L’obiettivo, dichiarato dalla stessa équipe che ha seguito questa clonazione, è infatti poter disporre di diversi animali dall’identico corredo genetico, per studiare in modo più efficace patologie che colpiscono l’uomo come Parkinson, Alzheimer, tumori e molto altro.

=> Scopri la mucca clonata


A livello internazionale, tuttavia, non sono però mancati dubbi e polemiche. Secondo molti, infatti, la clonazione oggi presenta dei dilemmi etici non ancora risolti e, pertanto, sarebbe necessario raggiungere un adeguato consenso a livello internazionale prima di avviare ulteriori sperimentazioni.

25 gennaio 2018
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento