Il Can Gio è uno dei posti più affascinanti del mondo: situato in Vietnam, è considerato dall’UNESCO come parco naturale. Eppure, all’interno di questo luogo meraviglioso, sorge un piccolo circo che impiega scimmie e cani come vere attrazioni. The Dodo ha pubblicato un video, probabilmente girato da un turista presente sul posto, dove vengono mostrate le attività della struttura.

Gli animali sono costretti a esibirsi indossando abiti in misura, le scimmie cavalcano biciclette mignon oppure guidano calessi trainati dai cani. Questi ultimi vengono forzati a saltare attraverso cerchi infuocati, mettendo a repentaglio la loro esistenza. Molti di loro passano accanto al pubblico porgendo una ciotola per ottenere qualche soldo, mentre altri ondeggiano su cavallini di legno o vengono condotti dagli addestratori sulla pista.

=> Scopri gli abusi del circo in Cina


Tutti gli animali mostrano un collare e una catena al collo, una sorta di guinzaglio per direzionare le loro mosse e costringerli all’esibizione. Uno spettacolo triste, doloroso, frustrante per esemplari abituati alla vita libera e selvaggia. Il personale presente forza gli animali con la minaccia di una bacchetta, che probabilmente viene utilizzata per reprimere e forzare all’atto. Lo sguardo è spento, assente e spesso angosciato dal terrore della punizione.

=> Scopri le scimmie indonesiane sfruttate come bambole


L’associazione AnimalsAsia ha lanciato una petizione con raccolta firme perché l’attività venga chiusa, a fronte della sua presenza in un luogo protetto dall’UNESCO. Il circo sorge presso il Can Gio Bioreserve, nel sud del Vietnam, dove moltissimi animali vivono allo stato brado e liberi. Il compito del parco è quello di educare e sensibilizzare i turisti nei confronti del rispetto, proteggendo gli esemplari all’interno del loro habitat. Eppure, nonostante questo obiettivo importante, il parco ha deciso di ospitare un’attività circense lontana dal concetto di amore ed empatia che dovrebbe albergare in un luogo così speciale.

11 aprile 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento