Sapone allo zolfo: proprietà per la pelle

È un rimedio conosciuto e impiegato da anni per la bellezza della pelle, spesso consigliato dalle mamme e dalle nonne per trattare alcune tipiche imperfezioni del volto. Il sapone allo zolfo può essere un alleato ideale per la cura quotidiana, poiché la sua azione può aiutare a combattere problematiche come pelle grassa, acne e altri piccoli e fastidiosi disturbi. Ma quali sono le sue proprietà nel dettaglio e, ancora, quali le indicazioni da conoscere?

=> Scopri le proprietà del sapone di Marsiglia


Prima di cominciare, è bene ricordare come tutte le problematiche relative alla pelle devono essere vagliate dal medico curante o dal dermatologo, anche quando possono sembrare innocue. Alcune imperfezioni, infatti, potrebbero essere connesse ad altre condizioni pregresse, come problematiche ormonali. In ogni caso, prima di ricorrere a rimedi fai da te, il parere dello specialista rimane imprescindibile.

Sapone allo zolfo: cosa è?

Così come suggerisce il nome, il sapone allo zolfo è un detergente a uso quotidiano che vede l’aggiunta di questo minerale, solitamente molto abbondante in natura. Propriamente definito come un non-metallo, si tratta di un elemento chimico inodore e insapore, presente su molti minerali sotto forma di solfuri e solfati. Essenziale per gli esseri viventi, tramite gli amminoacidi cisteina e metionina, lo zolfo ha trovato la sua applicazione in moltissime attività umane, dalla creazione di fertilizzanti ai farmaci, dalle soluzioni disinfettanti e fungicide, fino all’impiego nei classici fiammiferi.

=> Scopri le proprietà del sapone di Aleppo


Per la produzione di saponi ideati per il benessere della pelle, viene impiegato lo zolfo purificato, una polvere di colore giallo che viene ottenuta tramite una procedura di raffreddamento dei vapori del minerale. Questo sapone è normalmente realizzato a livello industriale o artigianale, in diverse varietà a seconda della concentrazione prescelta, e può trovarsi anche abbinato a essenze e oli lenitivi, sia per aumentarne l’efficacia che per limitare il tipico profumo. Lo zolfo ha infatti un odore molto intenso, non da tutti gradito. Ancora, il sapone può essere preparato anche in casa, anche se questa possibilità è praticamente entrata in disuso, considerato come il prodotto già pronto sia solitamente in vendita a prezzi più che contenuti.

Proprietà per la pelle

Il sapone allo zolfo presenta molteplici proprietà per la cura della pelle, che derivano ovviamente dalle caratteristiche tipiche del minerale: è infatti antinfiammatorio e disinfiammante, migliora la circolazione sanguigna con un effetto di vasodilatazione e contrasta l’azione di oli e grassi. Quest’ultima caratteristica ne spiega più che efficacemente l’utilità per l’epidermide, in particolare per il viso: lo zolfo può infatti fungere come un perfetto ritrovato sebo-regolatore, soprattutto per le pelli grasse o a tendenza grassa. Ancora, l’azione disinfettante aiuta a contenere i disturbi derivanti dalla popolazione batterica normalmente presente sulla pelle, in alcuni casi responsabile di inestetismi e disturbi.

L’applicazione più nota è certamente quella di contrasto all’acne, per uno dei rimedi già da diverse generazioni impiegato a questo scopo. In generale, è uno dei trattamenti consigliati in adolescenza, durante la pubertà, una fase della vita dai rapidi cambiamenti ormonali e quindi anche caratterizzata dall’apparizione di brufoli e da una grande produzione di sebo. In questo frangente, il sapone allo zolfo aiuta a disinfettare i pori, riducendo la proliferazione batterica, agevolando l’eliminazione del sebo e prevenendo la formazione di brufoli e punti neri.

=> Scopri i rimedi naturali per l’acne


L’acne non è l’unico ambito in cui il sapone allo zolfo manifesta la sua efficacia. Può essere infatti impiegato, sempre su consiglio medico, per trattare alcuni casi di dermatite seborroica, soprattutto quando la stessa è determinata da un’eccessiva produzione di sebo, tale da determinare una rapida desquamazione della pelle. Non ultimo, viene a volte consigliato per trattare alcuni disturbi dovuti a funghi della pelle, date le sue caratteristiche fungicide, nonché per alcune forme di psoriasi, quali quelle che determinano pustole. Infine, meno noto è l’utilizzo come semplice esfoliante.

Il sapone allo zolfo è solitamente consigliato a chi soffre di pelle grassa, mentre potrebbe non essere indicato per le pelli molto delicate: la sua azione tende a seccare l’epidermide, tanto che risulta necessaria una buona idratazione dopo l’applicazione. Inoltre potrebbe causare arrossamenti locali, soprattutto nei soggetti ipersensibili, mentre potrebbe non essere idoneo in caso di disturbi pregressi, intolleranze o allergie. Per questi motivi, il parere del medico rimane imprescindibile.

8 luglio 2017
Lascia un commento