Sangue vegetale dalle barbabietole. Sintetizzata dai ricercatori svedesi dell’Università di Lund una proteina molto simile all’emoglobina, di origine vegetale e che sembrerebbe disporre degli strumenti per sostituire la ben più famosa sostanza nel trasporto dell’ossigeno nell’organismo.

Lo studio sulla possibile alternativa vegetale all’emoglobina è stato condotto dalla Dr.ssa Nelida Leiva e reso noto online dal sito dell’emittente britannica BBC. La proteina estratta dalle barbabietole potrebbe permettere, spiegano i ricercatori, di ridurre il numero di casi per i quali si renderebbe necessaria una trasfusione.

Questo in quanto è l’emoglobina stessa a fungere da parametro di riferimento in merito alla necessità o meno di una trasfusione di sangue: quando i suoi livelli sono troppo bassi l’iniezione di ulteriore plasma si rivela indispensabile.

Poterla rimpiazzare con un sostituto vegetale faciliterebbe il trattamento dei pazienti, che non richiederebbero così il reperimento del corrispondente gruppo sanguigno per provvedere alle cure del caso.

Come hanno però spiegato i ricercatori stessi, l’alternativa vegetale all’emoglobina e al momento ancora poco più di un’ipotesi. Saranno necessari ancora almeno 3 anni di ulteriori ricerche e test sui maiali prima e sull’uomo poi per poter giungere a un trattamento vero e proprio. Una soluzione che si riveli utile, senza però alcun effetto collaterale.

7 novembre 2014
Lascia un commento