La festa di San Valentino è ormai alle porte: il 14 febbraio gli innamorati saranno pronti a scambiarsi fiori e cioccolatini, tra frasi romantiche e l’immancabile cena a lume di candela. E come tradizione, dopo il lauto pasto e un bicchiere di vino rosso, in molti decideranno di coronare il loro amore con una notte d’intensa passione. Eppure, per ottenere il meglio sul versante erotico, bisogna agire sin dalla cena: in fatto di sesso, alcuni cibi hanno infatti la capacità di stimolare le performance, altri potrebbero invece assopirle. Quali alimenti preferire, di conseguenza, per ottenere il meglio in camera da letto, anche e soprattutto approfittando delle diete vegetariana e vegana?

=> Scopri le ricette vegan per San Valentino


Per assicurarsi una notte scoppiettante, così come facile intuire, è innanzitutto necessario scegliere un pasto che non appesantisca. Rallentare i processi digestivi, infatti, non facilita l’attività sessuale, poiché la circolazione sanguigna sarà concentrata soprattutto a livello di stomaco e intestino. Non è però tutto: oltre a una cena leggera, indicato sarà scegliere degli ingredienti che, per le loro proprietà nutritive, possano stimolare proprio la circolazione e la produzione di ormoni. Di seguito, qualche consiglio.

Verdura

Sono davvero tantissimi gli ortaggi che, grazie alle loro proprietà intrinseche e ai noti principi attivi, potrebbero rendere migliore una notte di appassionante sesso. A partire dagli asparagi: oltre al noto potere depurativo, utile per la funzionalità dei reni, queste prelibatezze assicurano un buon carico energetico, per non cedere in durata. L’elevato apporto di potassio permetterà di contare su una riserva indispensabile di sali minerali, mentre acido folico e vitamina E possono teoricamente influire sulle attività ormonali sia maschili che femminili.

=> Scopri la colazione veg per San Valentino


A febbraio non è insolito consumare zucche e semi di zucca, degli ingredienti che accompagnano molte ricette dell’inverno. E, in occasione di San Valentino, potrebbero dimostrarsi del tutto indispensabili: sia la zucca che i suoi semi, infatti, sono ricchi di zinco, un minerale noto per stimolare la produzione di testosterone. In caso non si volesse badare a spese, invece, è il tartufo bianco il must per una cena romantica: contiene buone quantità di androstenediolo, un precursore di alcuni ormoni maschili.

Frutta fresca e secca

La frutta rappresenta da sempre un alleato irrinunciabile per l’eros, non solo perché spesso collegata a fantasie oppure evocativa di un sensuale immaginario. Il buon contenuto in zuccheri permette infatti di ottenere energia immediata, mentre vitamine e sali minerali stimolano la circolazione sanguigna, la produzione di ormoni e soprattutto la resistenza. L’avocado, ad esempio, è da sempre considerato un frutto afrodiasico, poiché tradizione vuole sia in grado di stimolare il desiderio. In realtà, è il suo elevato contenuto calorico – 230 kcal per 100 grammi – a determinarne l’impatto energetico, ma anche i buon livelli di potassio e vitamine A, C e B6. Sempre sul fronte dell’apporto di potassio, immancabile è la banana: non solo garantisce energia, ma grazie al triptofano stimola la serotonina, indispensabile per l’umore, nonché pare possa aiutare nel rilascio dell’ossitocina, l’ormone dell’amore.

=> Scopri i dessert per San Valentino


Passando invece alla frutta secca, sulla tavola di San Valentino non potranno mancare mandorle e noci. Le prime garantiscono un grande impatto energetico e un contenuto rilevante di vitamina A, le seconde pare possano agevolare le performance maschili. L’apporto di arginina, infatti, sembra sia stimolante per la circolazione del sangue grazie a un effetto vasodilatatore, anche nell’area genitale.

Erbe, spezie e condimenti

È forse sul fronte di condimenti e spezie, tuttavia, che si deve agire per raggiungere un San Valentino davvero infuocato. Il peperoncino, ad esempio, è noto per il suo effetto vasodilatatore, grazie all’elevato contenuto in lecitina. Proprio perché può aiutare ad aumentare il flusso di sangue nell’area genitale, il peperoncino è da sempre considerato uno degli ingredienti più afrodisiaci di sempre. Lo zenzero, invece, è famoso per la sua capacità di stimolare le funzioni digestive: evitando inutili appesantimenti a livello di stomaco, si migliorerà quindi la circolazione e anche la passione ne trarrà immediato beneficio.

Il ginseng è una pianta da secoli nota per le sue proprietà energizzanti e rinvigorenti, anche a livello sessuale. Nella medicina tradizionale, viene infatti impiegato come rimedio naturale contro l’impotenza, nonché per aumentare la fertilità. Allo stesso tempo, una ricetta allo zafferano potrebbe essere l’ideale a livello delle mucose, poiché sembra possa aumentarne l’apporto di sangue, rendendole perciò più sensibili al tatto.

4 febbraio 2017
Lascia un commento