Già ai vertici da qualche anno per l’attenzione all’ecologia nella propria produzione (secondo le stime di Greenpeace), il colosso coreano Samsung ha adesso annunciato che investirà entro il 2013 ben 4,3 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo eco-compatibili e attrezzature per diventare una società ancor più rispettosa dell’ambiente.

Di essi, due miliardi e mezzo di dollari saranno spesi in prodotti studiati per avere il minor impatto possibile sull’ambiente, mentre il resto sarà investito nello sviluppo di tecnologie a risparmio energetico e per migliorare la eco-compatibilità delle attrezzature.

Uno dei punti cardine del piano è l’impegno alla riduzione delle emissioni di gas serra del 50% da tutti i prodotti Samsung, con una riduzione stimata di 84 milioni di tonnellate entro il 2013.

Samsung vuole inoltre che tutti i propri prodotti siano eco-compatibili ed efficienti da un punto di vista energetico, per esempio riducendo il consumo di energia mentre l’apparecchio è in stand-by.

“Questa gestione ambientalista abbraccerà tutte le operazioni dell’azienda, la catena di fornitura e il tutto il ciclo di vita dei prodotti Samsung. Con questa strategia, noi vogliamo diventare un’azienda leader nel contrasto ai problemi ambientali che stanno colpendo il nostro pianeta”, ha precisato l’amministratore delegato di Samsung Yoon-woo Lee.

18 agosto 2009
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Guido, mercoledì 19 agosto 2009 alle14:54 ha scritto: rispondi »

Consumi in stand-by Ho controllato la potenza assorbita in totale dagli apparecchi in stand-by di casa mia (controllando il tempo necessario per un giro della ruota del contatore). Risultato: 34,5 Watt, 24 ore su 24! Ho poi misurato le potenze attive in stand-by per ciascun apparecchio: - TV 2,43W; - Videoregistratore 4,12W; - lettore DVD 2,29W; - Decoder TDT 1,06W; - Stereo 3,25W; - telefono cordless 3,12W; - Radioregistratore 2,10W; - Forno a microonde 2,57W; - Robot da cucina 2,57W; - Macchina per caffè 2,42W; - Lavatrice 0,09W; - Lavastoviglie 0,00W; - Frigocongelatore 1,17W; - Caldaia-scaldaacqua 4,71W; - Forno e vetroceramica non ancora misurati. Si può tentare di risparmiare qualcosa con una ciabatta con interruttore a cui collegare gli apparati audio-video... ma come fare, per esempio, con il cordless o la caldaia? L'iniziativa di Samsung è lodevole, importante e non deve restare isolata. Bisognerebbe imporre per legge ai costruttori di ridurre il consumo in stand-by sotto 1W o anche meno... ogni watt 24 ore su 24 inquina e costa oltre un euro all'anno.

Lascia un commento