Eldad Hagar, a capo dell’associazione Hope for Paws, da anni si occupa di recuperare e trarre in salvo molti animali randagi. Spesso le condizioni del salvataggio risultano complesse e l’animale, dopo una di vita di strada e abusi, appare agitato, terrorizzato e restio a farsi prendere. Per questo l’uomo, in tandem con il suo team, mette in atto tecniche di recupero dove la pazienza è la chiave di lettura principale. Ultimamente il gruppo ha soccorso una cucciolata che, per sfuggire all’uomo, aveva trovato rifugio in una tana profonda. La segnalazione era giunta da due donne, che da tempo sfamano tre femmine di cane, solite vivere accanto ai binari del treno e nei pressi di una cava. Una delle tre era diventata madre e aveva partorito alcuni piccoli: per stabilirne il numero, la due donne avevano trascorso diverso tempo nei pressi del rifugio contandoli uno per uno.

Il team di Hope for Paws aveva preso in carico l’operazione e, per convincere i cuccioli, aveva disseminato la zona di pezzettini di carne. Dopo aver afferrato il primo, il resto della banda ha preferito rifugiarsi nella tana, per questo Eldad si è calato lentamente nella buca recuperandone altri tre. Per loro è stato il primo contatto con l’uomo ma, dopo una po’ di paura iniziale, i piccoli hanno smesso di piangere.

=> Scopri la felicità di un cane salvato


L’uomo ha così deciso di scavare un tunnel laterale per accedere allo spazio e salvare il resto dei presenti. Con una tecnica molto elaborata, Eldad si è introdotto nel vano per estrarre i cani uno alla volta, trascinato fuori per le gambe dal suo team.

=> Scopri Mufasa, cane anziano e randagio


Alla fine del salvataggio ha deciso di rientrare nel foro per assicurarsi non ci fossero altri cani, dopo gli otto contati. E, con grande sorpresa, invece ha scovato il nono, il più piccolo e meno visibile, portandolo alla luce del sole. L’intera cucciolata è stata accolta in due famiglie, cresce e viene curata con affetto. La madre è stata salvata ed è stato individuato anche il padre, recuperato e curato al pari degli altri. Appena saranno pronti verranno dati in adozione, per un futuro davvero più luminoso.

5 aprile 2017
Lascia un commento