Salvare gli animali in via d’estinzione sarà presto tanto facile quanto accedere a un’applicazione sul proprio iPod Touch o accendere un lettore MP3. È il progetto voluto dall’Università di Porto Rico, i cui risultati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Peer J: un sistema di registrazione audio dei versi degli animali affinché se ne riconosca l’andamento.

>>Scopri gli animali popolari in via d’estinzione

La tecnica parte da un assunto molto semplice: quasi la totalità delle persone oggi posseggono un iPod, un lettore MP3 o uno smartphone. Così, tramite un sistema sia software che hardware, si è richiesto agli abitanti delle zone limitrofe alle foreste locali di registrare 144 minuti al giorno di suoni della natura. Effettuata la raccolta, i file vengono automaticamente inviati a un centro di analisi, in grado di passare al vaglio oltre 100.000 registrazioni l’ora grazie a un sistema di ricerca automatica dei versi animali, dove si verifica l’eventuale presenza di specie in via d’estinzione. Grazie ai suoni tipici emessi da alcune razze in pericolo, infatti, è possibile ricostruirne la presenza nelle foreste, gli spostamenti e l’andamento della loro popolazione.

I primi risultati appaiono davvero promettenti. La sperimentazione, in particolare, ha cercato di studiare la vita della Eleutherodactylus juanariveroi, una rara rana quasi estinta. L’animaletto ha subito un forte declino negli ultimi 4 anni ma, grazie proprio al tracciamento audio, si è scoperto come dal quinto la popolazione stia tornando a crescere. Mitchell Aide, tra i coordinatori della ricerca, così spiega:

«Per capire l’impatto della deforestazione e dei cambiamenti climatici, abbiamo bisogno di dati affidabili e a lungo termine sulla fauna di tutto il mondo».

Per raggiungere questo proposito, però, l’osservazione diretta non è sufficiente né sostenibile: i costi di inviare personale nelle foreste sono troppo elevati e non vi è possibilità di costruire campioni discretamente ampi per elaborare delle statistiche affidabili. Con la registrazione da parte di volontari, invece, si ha un gran numero di dati su cui lavorare per elaborare stime certe.

18 luglio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento