Salute del cuore: via libera a caffè e tè, attenzione al latte

La salute del cuore è strettamente legata all’alimentazione. Anche gli esperti internazionali sono concordi nel suggerire una dieta corretta per favorire la salute del cuore.

Bisognerebbe basarsi sul consumo di frutta, verdura, cereali integrali. Ma spesso riguardo ad alcuni cibi in particolare non ci sono conoscenze approfondite su come possano influenzare positivamente o negativamente la salute cardiovascolare.

=> Leggi i benefici delle noci pecan contro gli attacchi di cuore

Ecco perché i ricercatori dell’American College of Cardiology Nutrition hanno voluto dedicare una ricerca sull’argomento. Si sono occupati di esaminare prodotti come latticini, legumi, caffè, tè e bevande energetiche, per vedere gli effetti che un consumo di questi alimenti possa avere sulla salute del cuore.

Gli esperti hanno concluso che caffè e , anche se bevuti regolarmente, sono associati ad un minore rischio di mortalità per cause cardiovascolari. Inoltre il caffè e il tè non risulterebbero collegati all’incremento del rischio di ipertensione o di aritmie.

=> Scopri perché i carboidrati sono più pericolosi dei grassi per la salute del cuore

I ricercatori raccomandano di non aggiungere zuccheri o dolcificanti perché gli zuccheri aggiunti risultano connessi ad un aumento del pericolo di incorrere in cardiopatia ischemica e ictus. Inoltre i cibi lavorati e le bevande zuccherate, comprese le bibite sportive, possono peggiorare alcune condizioni come l’aterosclerosi, portando a conseguenze che possono rivelarsi fatali.

Il tè nero o quello verde possono migliorare la salute del sistema cardiovascolare, mentre gli esperti si sono detti molto scettici sui latticini. Sui prodotti lattiero-caseari ci sono molti dubbi e i pareri sono discordanti. Secondo alcuni studi, un consumo moderato di cibi a basso contenuto di grassi potrebbe tenere sotto controllo la pressione del sangue.

Al contrario altre ricerche mettono in evidenza l’associazione tra il contenuto di grassi e l’aumento del colesterolo. Soprattutto andrebbe evitato da questo punto di vista il latte intero.

Gli esperti hanno anche esaminato l’incidenza sul rischio cardiovascolare che può avere un’alimentazione che include anche i legumi. Si sono dimostrati convinti che mangiando fagioli, ceci, lenticchie e piselli si può favorire la salute del cuore. I legumi ridurrebbero l’incidenza delle coronopatie, migliorerebbero i livelli della pressione sanguigna e sarebbero importanti anche per controllare l’aumento di peso corporeo.

27 luglio 2018
Lascia un commento