Convivere con un animale quotidianamente permette di osservare l’evoluzione emotiva e comportamentale, senza dimenticare la condizione di salute. Eventuali modifiche e piccoli sintomi potrebbero rivelarsi campanelli d’allarme da non sottovalutare, da vagliare con l’aiuto del veterinario di fiducia. La programmazione di una serie di visite di routine con un centro medico è comunque una prassi importante, così da controllare periodicamente lo stato di salute del quadrupede. Magari avvalendosi di esami specifici oppure valutando con il medico la presenza di qualche variazione rilevante, come la perdita dell’appetito, problemi legati al movimento e alla sfera emotiva e altro ancora. Importante quindi osservare in prima persona, già all’interno dell’ambito domestico, la condizione totale dell’animale possibilmente seguendo una sorta di lista, di vademecum, per avere un riscontro immediato.

La prima osservazione per cani e gatti andrebbe rivolta agli occhi, che dovrebbero apparire limpidi, luminosi, attenti. Nel caso fossero opachi, spenti, arrossati e con lacrime potrebbe segnalare un problema. Per quanto riguarda il cavo orale e il naso si deve prestare particolare attenzione all’alito e ai denti, spesso correlati e sinonimo di qualche disturbo. Non solo: un alito cattivo potrebbe evidenziare un malessere dello stomaco e della digestione, esattamente come per l’uomo. Quindi sotto controllo anche gengive e cavo orale stesso, senza la presenza di lacerazioni e ulcere. Importante osservare anche la produzione di bava e muco nasale, anticamera di qualche malattia e infezione. Le orecchie stesse sono spesso al centro di infezioni e malattie, per questo è importante tenerle pulite controllandole settimanalmente. Eventuali presenze di sangue, cerume sporco, oppure lacerazioni date da grattate costanti e scuotimenti di testa è bene farle controllare dal veterinario, che potrà valutarle accuratamente.

Dalla pelle al sistema urinario: i problemi

La cute spesso è vittima di irritazioni, escoriazioni e patologie legate alla presenza di parassiti. Non deve apparire troppo secca o troppo grassa, quindi fondamentale che appaia senza cisti, grumi e croste. Il manto deve risultare uniforme, lucido, sano e ben curato, non a ciuffi o diradato e neppure attaccato da pulci, zecche e insetti vari. Il biglietto da visita è rappresentato proprio dall’aspetto del pelo che andrà trattato accuratamente, con lavaggi a cadenza di tempo e protetto con collari antipulci e antiparassitari. Anche le ossa e le articolazioni meritano cura e attenzione: indispensabile che il quadrupede deambuli in modo corretto e con equilibrio. Non deve apparire affaticato se sale le scale oppure da fermo, con problemi a mantenere la posa eretta. Le passeggiate quotidiane lo aiuteranno a tenere oliato il meccanismo delle articolazioni, allontanando il momento dedicato alla terza età. Proprio in questa fase della vita l’animale apparirà più fragile, delicato e bisognoso di sostegno. Importante non sottovalutare eventuali dolori articolari e ossei in un esemplare anziano, facilmente controllabili con farmaci, integratori e modifiche di abitudini consigliate dal veterinario.

Cuore e polmoni al centro del corpo dell’amico di casa come motore pulsante di energia e benessere. In presenza di respiro pesante, se non tipico della razza, oppure affannoso e rumoroso, ma anche tosse e starnuti continui, è importante consultare il medico. Sono sintomi comuni a molte malattie stagionali, ma nell’animale tradiscono problematiche legate alle patologie cardiache e respiratorie. Anche il sistema digerente merita cura e attenzione attraverso un’alimentazione completa, sana ed equilibrata. La presenza di un addome gonfio, l’inappetenza, feci con presenza di sangue, diarrea o stitichezza, vomito, gas intestinali devono attirare l’attenzione del proprietario come sintomo di qualche problema. Al pari dell’addome, anche il sistema urinario merita interesse come ad esempio una minzione frequente e con perdite, oppure una forte difficoltà a urinare richiedono un controllo specifico. Per una salute perfetta a 360° è bene organizzare visite regolari dal veterinario di fiducia che potrà osservare l’animale, preservandone la salute attraverso vaccini e una dieta precisa in caso di necessità. L’amico di affezione dovrà seguire un’alimentazione completa che non lo porti a ingrassare, senza l’aggiunta di cibi indirizzati al consumo umano, abbinata a un sano movimento garantito da passeggiate quotidiane e magari anche un po’ di sport.

4 marzo 2015
Fonte:
Lascia un commento