Manca una settimana esatta all’inizio dell’87esima edizione del Salone Auto di Ginevra, kermesse che come ogni anno vedrà in mostra le ultime novità provenienti dal mondo delle quattro ruote. In un’ottica di evoluzione sostenibile della mobilità, a questo giro l’attenzione sarà focalizzata in particolare sulle auto elettriche. Eccone alcune, tra le più interessanti, in mostra nella città svizzera dal 9 al 19 marzo.

La casa dei quattro cerchi ha scelto l’evento per il debutto ufficiale di Audi e-tron SUV, new entry della serie che punterà soprattutto (stando alle indiscrezioni circolate finora) a garantire un’autonomia tale da poter percorrere lunghe distanze senza doversi preoccupare della ricarica.

=> Scopri le prime auto elettriche Volvo, attese per il 2019

Si parla di un pacco batterie con capacità sufficiente a coprire quasi 500 Km senza effettuare soste. Informazioni ufficiali arriveranno dal padiglione dell’automaker tedesco.

=> Auto elettriche: leggi perché il calo costi batterie sarà chiave per taglio prezzi

Decisamente più avveniristico Toyota i-TRIL, un concept che mira a sperimentare nuove forme di trasporto per l’ambito urbano. Si tratta di un veicolo a trazione completamente elettrica, che rappresenta una sorta di incrocio fra un’auto e una motocicletta evoluta: tre posti in totale, uno di fronte e due sul retro per i passeggeri. L’unico altro dettaglio tecnico ufficializzato è la dotazione della tecnologia Active Lean già vista in azione su i-Road. Di seguito un’immagine teaser rilasciata dal gruppo nipponico.

Il Salone di Ginevra ospiterà anche i progetti delle startup che puntano a rivoluzionare il settore automotive. Tra queste figura Elextra, che mira a sfidare colossi del calibro di Tesla. Il veicolo portato allo show, grazie anche al suo profilo estremamente aerodinamico, potrà passare da 0 a 100 Km/h in soli 2,3 secondi.

La carrellata si conclude con un’ibrida: la Porsche Panamera 4 E-Hybrid. 290 Km/h di velocità massima e una cura maniacale nel dettaglio per quanto riguarda design e qualità costruttiva, per un veicolo che di certo non sarà alla portata di tutte le tasche.

2 marzo 2017
In questa pagina si parla di:
Via:
I vostri commenti
Gaetano Violante , lunedì 13 marzo 2017 alle5:51 ha scritto: rispondi »

Interessante per il futuro, sarebbe interessante comprendere le proiezioni per lo smaltimento delle batterie auto elettriche e eventuale proiezione dove si collocheranno le colonnine sulla rete nazionale.

Lascia un commento