Sagne ritorte, ricetta vegan

Le sagne ritorte – o sagne ‘ncannulate – sono una preparazione tipica della Puglia. Si tratta di una ricetta vegan che non è stata pensata appositamente, ma è nata in effetti così, secoli or sono, quando ancora non esisteva la coscienza di un’alimentazione completamente cruelty free. La ricetta, come avviene inconsapevolmente con molti piatti della tradizione, si basa infatti sull’assenza di ingredienti di natura animale.

Nella ricetta che segue, gli ingredienti indicati valgono a preparare quattro porzioni di pietanza. Per preparare questo piatto occorrono, nello specifico, un matterello e una macchinetta per stendere e tagliare la pasta. In alternativa, si può anche pensare di tagliare le sagne a mano, se lo si preferisce, ma bisogna tener presente che i tempi di realizzazione si allungano: ci si deve armare di pazienza per questa ricetta, perché le sagne vanno ritorte singolarmente e a mano.

IMG_pastafrescafatta

Ricetta delle sagne ritorte vegan: ingredienti

  • 350 g di farina OO
  • acqua qb
  • olio d’oliva qb
  • 1/4 di cipolla di media grandezza
  • 400 ml di salsa di pomodoro
  • sale qb
  • pepe qb
  • 2-3 foglie di basilico

Preparazione sagne ritorte

  • Impastare su un piano la farina e l’acqua, e stenderla aiutandosi con un matterello.
  • Passare le sfoglie di pasta all’interno della macchinetta, in modo da assottigliarle sempre più e infine farle tagliare, sempre dalla macchinetta, in modo da ottenere delle specie di tagliatelle.
  • Ogni volta che la pasta passa dalla macchinetta, è meglio dare una spolverata di farina, in modo che l’impasto non diventi appiccicoso.
  • Stendere a una a una le tagliatelle e arrotolarle su se stesse, in modo da avere appunto le sagne ritorte, che vanno cotte in acqua salata per pochi minuti.
  • Per il sugo, soffriggere in olio d’oliva la cipolla dopo averla tagliata a julienne. Aggiungere la salsa di pomodoro, ultimando con sale, pepe e basilico a pochi minuti dalla fine della cottura.

10 marzo 2014
Lascia un commento