A Sochi, in Russia, a fine marzo è stato pubblicato un bando di concorso per combattere drasticamente il randagismo. Sul piatto circa 2.000 tra cani e gatti di strada che la città vuole eliminare definitivamente entro la fine dell’anno, per questo la gara d’appalto è rivolta a società esperte in materia.

>>Leggi della strage di cani in Ucraina

Una decisione piuttosto drastica per la quale, secondo il bando, la società vincitrice dovrà organizzare pattuglie per rastrellare i randagi. Ronde di cattura, tra le cinque e le otto del mattino, con l’unico scopo di catturare più cani e gatti possibili. Fine ultimo la soppressione e lo smaltimento. La causa di tale decisione è data dall’avvento dei Giochi Olimpici Invernali del 2014.

>>Leggi la storia degli orsi in Ucraina

Una situazione che riporta alla memoria le drammatiche mattanze avvenute in concomitanza con gli Europei di Calcio 2013, svoltisi in Ucraina e Polonia. Una strage denunciata in tutto il mondo, ma che ancora oggi prosegue nel silenzio mediatico più totale. Se l’iniziativa di Sochi avrà luogo porterà la cittadina, nei pressi del Mar Morto, tristemente agli onori della cronaca.

Per ora si conosce solo il budget proposto nel bando ci concorso, circa 43.000 euro come ricompensa per il lavoro svolto. Prossimamente verrà reso noto il nome del gruppo vincitore della gara.

Fonte: Asca

19 aprile 2013
Lascia un commento