Una storia di drammatico amore proviene dall’Irlanda, dove una star locale del rugby, il fratello e il padre sono morti nel tentativo di salvare il loro cane in difficoltà. L’animale è caduto per sbaglio in un serbatoio per il liquame, ma l’intervento disperato dei suoi padroni si è trasformato in tragedia.

Nevin Spence era una promessa del rugby europeo e dell’Ulster, sua zona di provenienza. Qualche giorno fa, tuttavia, la sua carriera è terminata insieme alla vita del fratello Graham e del padre Noel, mentre la sorella Emma è stata salvata per miracolo. Tutto è successo quando il loro cane è caduto in un pozzo nero: il padre si è subito gettato in soccorso, ma è a sua volta rimasto vittima di questa improvvisata trappola mortale.

I due fratelli, desiderosi di portare padre e amico a quattro zampe in salvo, hanno purtroppo anch’essi perso la vita, soffocati dalle esalazioni tossiche del liquame. Il pozzo nero, ora posto sotto sequestro, si trova nella tenuta della famiglia Spence, dove da anni è stata costituita un’azienda agricola.

Una vicenda che lascia davvero sbigottiti e che dimostra come, in un periodo dove le violenze animali e gli abbandoni sono in preoccupante aumento, esista qualcuno disposto a mettere a repentaglio la propria vita pur di proteggere il cucciolo di casa. Una storia di cui si sarebbe piaciuto raccontare un lieto fine, per onorare la temerarietà e il coraggio di questa famiglia.

18 settembre 2012
I vostri commenti
marcogrigis, martedì 7 maggio 2013 alle15:51 ha scritto: rispondi »

Non credo tu sappia che significa "controinformazione".

Tommaso, martedì 7 maggio 2013 alle15:51 ha scritto: rispondi »

La smettete con questa mera controinformazione? http://www.guardian.co.uk/uk/2012/sep/17/ulster-rugby-nevin-spence-slurry

Lascia un commento