Romeow Cat Bistrot: a Roma un nuovo cat cafè

A quanto pare agli italiani il cat cafè piace molto. E così, dopo le aperture torinesi, anche Roma si dota di un locale ricco di felini. Si chiama Romeow Cat Bistrot, si ispira fortemente ai neko cafè giapponesi e offrirà al pubblico una cucina vegana e crudista, il tutto accompagnato dal relax che solo i gatti sanno garantire. In corso di definizione, l’apertura avverrà all’inizio del mese di dicembre.

L’obiettivo è quello ormai diventato trend in tutto il mondo: accompagnare la permanenza del cliente nel locale con una piccola colonia felina, gatti sornioni e ben disposti all’interazione. Non solo una trovata originale, ma anche un modo per regalare un momento di gioco e di relax, dell’affetto che solo i felini domestici sono in grado di fornire.

Saranno sei i mici che parteciperanno all’inaugurazione di Romeow Cat Bistrot: Romeow, Maos, Nino, Frida, Lamù e Irì. Il tutto in una struttura e un’atmosfera specificatamente realizzata a misura di gatto, affinché la permanenza nel locale non sia disturbo all’indole del felino, né causi problemi di stress o di territorialità. Un’attenzione ai dettagli garantita da 120 metri di estensione con soppalcato, dove spiccano i materiali naturali, gli alberi e un nugolo di tubi e altri contenitori sospesi per permettere ai gatti di esplorare e divertirsi. Per i clienti, invece, spazio non solo al gusto ma anche allo svago e al lavoro, con la possibilità di trascorrere tempo leggendo un libro o navigando sulla Rete.

Il cat cafè, che si trova nel quartiere Ostiense e manterrà il servizio dalle 10.30 alle 23, non punta però solamente sui gatti per far colpo sul pubblico. I proprietari hanno infatti deciso di concentrarsi su proposte culinarie vegane e crudiste, partendo dalla cucina asiatica arrivando ai dolci completamente privi di ingredienti di origine animale. Non solo vegan, ma anche attenzione all’ambiente: le pietanze e gli ingredienti impiegati saranno all’insegna del chilometro zero, nel pieno della sostenibilità alimentare.

20 novembre 2014
Fonte:
Lascia un commento