Dopo due anni di lontananza e assenza, un cane è stato ritrovato a Dearborn in Michigan, a più di mille miglia di distanza dalla sua casa di origine in Florida. Una situazione incredibile che ha riempito di gioia la proprietaria Debi Petranck, originaria di Ocala, che non aveva mai perso la speranza di poter abbracciare nuovamente il suo amatissimo Zeus. L’animale, individuato per le strade della città, era stato raccolto solo una settimana fa e condotto presso il rifugio Dearborn Animal Shelter, dove il personale aveva provveduto a fornirgli le prime cure. Lo staff aveva quindi messo in pratica il gesto principale di ogni centro di raccolta randagi: il passaggio del lettore del microchip. Una prassi che spesso permette il ricongiungimento dei quadrupedi smarriti o rubati con le famiglie di origine.

Una procedura standard ma fondamentale che, anche in questo caso, ha riacceso le speranze per la struttura e permesso a Zeus di ritornare a casa. Dopo l’individuazione del chip e del nominativo della proprietaria la donna è stata contattata, quindi ha potuto raggiungere il rifugio per ritrovare finalmente l’amato quadrupede. Come mostra il video trasmesso dei media locali, Debi, inginocchiata a terra, attende l’arrivo del suo piccolo cagnolino. Un po’ di ansia la turba, perché teme che Zeus non la possa riconoscere. Ma la corsa forsennata del cane si conclude tra le braccia di Debi, dove il piccolo si dimena per la gioia riempiendola di leccate e baci.

Un incontro che ha emozionato tutto il personale presente, ma anche la stessa Debi, che si è sciolta in lacrime e in un abbraccio stretto intorno al simil Terrier. Secondo la ricostruzione, al momento della sparizione Debi aveva attivato una ricerca serrata, con tanto di fogli appesi per le strade e passaparola. Ma di Zeus non si era trovata più traccia. Probabilmente qualcuno doveva aver preso impropriamente il cane dalle strade di Ocala, o dall’abitazione della stessa donna, per poi trasferirsi a Dearbon. Una provvidenziale fuga dell’animale ha permesso però il lieto fine.

15 aprile 2016
Lascia un commento