A volte l’importante è che se ne parli. È quello che ha pensato l’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo economico sostenibile), nel lanciare su Facebook la campagna “#Selfie&Kilowatt”, invitando ciascuno a ritrarsi in uno dei tanti comportamenti che portano allo spreco di energia.

Come ha dichiarato Antonio Disi, responsabile della campagna:

Si tratta di un modo di coinvolgere soprattutto i giovani, incoraggiandoli a denunciare in modo divertente i propri sprechi energetici, stimolando in questo modo anche gli amici a essere più consapevoli sull’uso improprio dell’energia.

La particolarità dell’iniziativa è quella di veicolare un messaggio positivo anche attraverso il suo contrario con l’uso dell’ironia e del paradosso e pensiamo che possa essere un modo efficace per parlare ai giovani con l’auspicio di poter influire sul cambiamento degli stili di vita di una nuova generazione di consumatori più attenti e consapevoli.

Ne esce una sorta di confessione liberatoria in cui ognuno rivela i propri misfatti e li sottopone non solo all’attenzione, ma anche al giudizio degli altri. Ogni “selfie” infatti può essere commentato e far nascere una discussione che va oltre l’ironia. L’operazione è partita il 25 giugno e durerà fino al 30 settembre.

Facebook è stato scelto come mezzo privilegiato per attrarre i giovani, essendo uno dei più potenti strumenti tra i social network, che hanno portato in questi anni a nuovi metodi di comunicazione e diffusione delle notizie. In questo caso si sfrutta la sua straordinaria capacità di raggiungere le masse, attirando l’attenzione sull’importantissimo tema del risparmio energetico, che come ben sappiamo ha come punti essenziali di partenza, proprio la riduzione degli sprechi, oltre all’efficientamento energetico.

Dall’ironia alla serietà il passo è breve, sulla pagina dedicata all’evento infatti, è possibile trovare sia un simpatico e accattivante spot creato ad arte, sia un link che rimanda a una lista di 10 semplici consigli dell’ENEA per consumare meno energia.

12 settembre 2014
Fonte:
Lascia un commento