Quando si tratta di ridurre il consumo di risorse e limitare l’impatto sull’ambiente del proprio stile di vita, gli altoatesini sono tra i cittadini più virtuosi d’Italia. Lo confermano i dati di un recente studio condotto dall’Astat, l’Istituto di Statistica Provinciale, sulla sensibilità ambientale della popolazione altoatesina.

Dall’analisi è emerso che gli abitanti dell’Alto Adige sono molto attenti ai consumi domestici. Il 91,5% delle famiglie evita di sprecare elettricità. L’87% della popolazione cerca di contenere gli sprechi di acqua.

Anche a tavola gli altoatesini si impegnano a consumare cibi a basso impatto ambientale, prediligendo i prodotti a km zero e controllando l’origine e le proprietà nutritive degli ingredienti. Nello specifico, il 68,4% dei residenti in provincia opta per una spesa a base di cibi a filiera corta, sostenendo attivamente l’economia rurale locale.

Il 62,7% degli altoatesini quando si tratta di acquistare prodotti della grande distribuzione si documenta sulla loro provenienza e legge attentamente le etichette, preferendo i marchi che rispettano l’ambiente.

Gli altoatesini hanno riportato punteggi elevati anche sul fronte della raccolta differenziata. A registrare i risultati migliori è la raccolta differenziata del vetro, con una fetta dell’83,4% della popolazione impegnata a smaltirlo correttamente.

L’attenzione all’ambiente degli altoatesini si riflette anche nella cura del decoro urbano. La maggioranza della popolazione (95,7%) evita di sporcare l’ambiente gettando carte e altri rifiuti a terra.

Gli abitanti della provincia sono inoltre particolarmente sensibili a tutte le tematiche ambientali: dal riscaldamento globale all’impatto del traffico sulla qualità dell’aria e sulla salute. Una sensibilità che dà vita a numerose iniziative per migliorare la gestione delle risorse e dell’ambiente.

Il rispetto per l’ambiente è molto radicato perché la popolazione è consapevole del valore economico e sociale del verde, avendo fatto del turismo, della mobilità e dell’agricoltura sostenibile i suoi principali punti di forza. I dati dello studio dell’Astat sono stati accolti positivamente da Ulrich Stofner, Direttore del Business Location Südtirol – Alto Adige:

Il nostro territorio è ancora una volta habitat perfetto per chi guarda all’ambiente con attenzione come persona e come azienda, un ecosistema fondato su innovazione e sviluppo, ma anche sul rispetto quotidiano delle risorse. In Alto Adige non solo si lavora bene ma si vive anche bene.

10 giugno 2015
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento