In un mondo afflitto dalla carenza di risorse naturali ed energetiche è fondamentale educare le nuove generazioni a combattere ogni forma di spreco a casa, a scuola e nel tempo libero. Per sensibilizzare i bambini a un uso consapevole dell’energia e dell’acqua vengono in aiuto i consigli elargiti dall’Osservatorio sul vivere sostenibile.

L’Mce Lab promosso dalla Mostra Convegno Expocomfort ha elaborato un vademecum destinato ai bambini in vista dell’accensione degli impianti di riscaldamento domestico. In Italia il 30% dei consumi di energia è dovuto alla climatizzazione invernale e al riscaldamento dell’acqua sanitaria. Utilizzare gli impianti di riscaldamento in modo corretto oltre a ridurre i costi della bolletta taglia le emissioni di gas serra imputabili ai consumi domestici.

Gli esperti dell’Osservatorio sul vivere sostenibile spiegano ai genitori come insegnare il risparmio energetico ai bambini in modo facile e divertente:

  • Quando i bambini si lavano i denti tappare il lavandino farà notare ai più piccoli quanta acqua stanno sprecando lasciando il rubinetto aperto.
  • Coinvolgere i più piccoli nella gestione ottimale degli impianti di riscaldamento: chiedere ai bambini di controllare quando i termosifoni sono accesi e di andare a chiudere le finestre per non dissipare il calore.
  • Insegnare ai bambini che bisogna sempre spegnere le luci prima di uscire da una stanza.
  • Spiegare a bambini e adolescenti che le console di gioco vanno sempre spente quando si smette di giocare perché gli apparecchi in standby consumano energia.
  • Promuovere uno stile di vita sano incoraggiando i bambini a stare all’aria aperta e a muoversi di più. L’energia dei più piccoli è l’unica a cui non bisogna porre freni.

I genitori a loro volta possono dare il buon esempio ai figli mettendo in atto alcuni accorgimenti per ridurre gli sprechi di energia in casa:

  • Lasciare i termosifoni sgombri da mobili, tende e coperture per non ostacolare la circolazione del calore.
  • Spegnere gli impianti di riscaldamento quando in casa non c’è nessuno e almeno un’ora prima di andare a letto. Il calore continuerà a propagarsi anche se l’impianto è spento.
  • Installare le valvole termostatiche su tutti i radiatori per regolare la temperatura e tagliare i costi della bolletta fino al 15%.
  • Installare caldaie a condensazione e preferire il riscaldamento a pavimento o i termoconvettori, impianti capaci di funzionare a basse temperature.

5 novembre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento